Seguici su

Biella

«Ha ingerito un boccone avvelenato ai giardini Alpini d’Italia, qualcuno ha quasi ucciso la mia Lilli»

La denuncia di Massimo Carbone, proprietario della cagnolina che ha vinto “Simpatiche Zampette”

Pubblicato

il

BIELLA – «Qualcuno ha quasi ucciso la mia Lilli. Voglio sapere chi è stato e perché ha fatto una cosa terribile come questa».

È sconvolto Massimo Carbone, proprietario della piccola Lilli, il pinscher tedesco che di recente ha vinto il primo premio di “Simpatiche Zampette”, il concorso del nostro bisettimanale dedicato agli amici a quattro zampe. Nel tardo pomeriggio di giovedì un presunto boccone avvelenato, ingerito in uno dei giardini pubblici del centro cittadino, le è quasi stato fatale.

«Alle 16 – racconta l’uomo – l’ho portata ai giardini Alpini d’Italia, quelli vicino alla Provincia, di fronte a via Lamarmora. Come ogni giorno siamo andati a trovare cinque signore, le sue “cinque nonnine”, che le vogliono bene e la fanno sempre giocare. Poi siamo tornati a casa e Lilli stava benissimo. Il boccone lo ha mangiato più tardi. Verso le 19,30 siamo infatti tornati lì e lei d’istinto si è diretta verso la solita panchina, dove ha ingerito questo maledetto boccone».

La povera cagnolina si è sentita male quasi subito: «Si è accasciata a terra – spiega Massimo -, aveva la bava alla bocca e la lingua di fuori. Nonostante fosse riuscita a vomitare buona parte del boccone, stava malissimo. Insieme a me c’era un’altra signora che continuava a piangere. Non sapevo cosa fare, così ho chiamato la polizia».

Sul posto è quindi intervenuta una volante della questura di Biella. Sono stati gli agenti a chiedere l’intervento dell’ambulanza veterinaria, che ha poi portato d’urgenza l’animale alla clinica del Barazzetto.

«Non posso che ringraziare con tutto il cuore i poliziotti e i soccorritori – continua Massimo -, sono arrivati con grande tempestività e si sono adoperati per salvare la mia Lilli. Lei ora sta meglio, le hanno fatto la lavanda gastrica. A breve dovrei ricevere il referto medico e saperne di più».

L’uomo non riesce ancora a capacitarsi di quanto successo, ma soprattutto non riesce a immaginare quale persona possa aver lasciato un boccone avvelenato in un parco frequentato dai cani: «Purtroppo mi risulta che non sia nemmeno la prima volta che succede – racconta ancora -, avevo già segnalato la situazione all’amministrazione comunale e mi era stato detto che avrebbero fatto dei controlli. Invece è successo di nuovo. Vorrei solo sapere chi può essere tanto meschino da voler uccidere una cagnolina che gioca con tutti e non ha mai fatto male a nessuno. Non ci dormo la notte, non riesco a darmi pace».

1 Commento

1 Commento

  1. giacomo

    5 Ottobre 2021 at 14:05

    E’ significativo il fatto che il boccone lo abbiamo messo in una delle zone dove noi amanti dei 4 zampe ci rechiamo più spesso. Segnalo la presenza di bocconi avvelenati anche nelle vicinanze di via Italia. Portare a spasso i cani (dei quali non dobbiamo MAI dimenticare di raccogliere le deiezioni, in caso contrario potremmo essere crocefissi) sta diventando sempre più complicato e pericoloso. Bocconi avvelenati, vetri di bottiglia ovunque (anche nella centralissima piazza duomo) ecc ecc ecc
    Riusciranno i ns amici a portare a termine le loro meritate passeggiate senza farsi accoppare da qualche IDIOTA?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *