Seguici su

Attualità

E’ morto Antonio Contu, fondatore del Circolo culturale sardo Su Nuraghe

Mercoledì il funerale nella chiesa di San Sebastiano

Pubblicato

il

È mancato all’affetto dei suoi cari e ha raggiunto la sua adorata Gina, Antonio Contu, 95 anni, di Pirri (Cagliari).

Lascia nel dolore le figlie Loredana, con il marito Domenico, Paola, con il marito Franco, Maria Giulia, Betty e Maria Cristina; i nipoti Alessandro, Paolo, Veronica, Virginia, Nicolò, Federico, Gaia, Francesca, Carlotta e Maria Rebecca; la sorella Lisetta ed il fratello Franco con le rispettive famiglie; le cognate, i cognati, i cugini e i parenti tutti. Al loro dolore si unisce la Comunità dei sardi di Biella e dei tanti amici che hanno voluto bene a lui e alla sua bella famiglia.

Socio fondatore del Circolo Culturale Sardo “Su Nuraghe”, Antonio era arrivato a Biella nell’agosto del 1972 con la moglie e con le cinque figlie per lavorare in fabbrica. Da subito entra in contatto con i conterranei che in quegli anni approdavano a Biella in cerca di occupazione.

Punto di ritrovo: in via Trieste, presso il “Caffè Abe” di Giovanni Antonio Carta. È qui che nasce il Circolo sardo di cui è uno dei fondatori sotto la presidenza di Franco Piras, cercando di compensare quella nostalgia che prova solo chi è dovuto partire e vive lontano dalla terra natia; Antonio non ha mai scordato le proprie radici, travasando questo amore nelle adorate figlie, nei generi e nei nipoti.

“La tua longevità da puro sardo – sussurra una delle figlie davanti alla bara composta nella camera ardente – ha dato a noi la possibilità di viverti in ogni momento della tua e delle nostra vita, vedendo crescere da buon isolano il frutto dell’amore che hai coltivato con la nostra mamma”.

Il Santo Rosario sarà recitato nella Chiesa di San Sebastiano a Biella, martedì 7 marzo, alle ore 18:45.

Il funerale sarà celebrato mercoledì 8 marzo, alle ore 15:30 nella Chiesa di San Sebastiano.

Le sue ceneri riposeranno nel cimitero di Chiavazza con quelle della moglie Gina.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *