Seguici su

Attualità

Una situazione insostenibile su quella panchina

Pubblicato

il

Una situazione insostenibile su quella panchina

Lo sfogo di Maurizio Repetto

«Non ce l’ho con queste persone, ma la situazione ormai è insostenibile». A parlare è Maurizio Repetto, titolare di “Arcimboldo, armonie della natura”, in via Cesare Battisti. La panchina di fronte al suo negozio è divenuta dimora abituale di senzatetto e frequentatori del dormitorio, con comprensibili ripercussioni sulla sua attività professionale.
«Tutto è iniziato a luglio – ricorda -. Alcuni di loro dormivano e facevano i bisogni qui davanti, la gente si lamentava. Poi, con l’arrivo del freddo, erano andati via. Di recente, però, la panchina si è trasformata di nuovo in un letto di fortuna. Un uomo ci dorme ormai da un paio di mesi. Di solito arriva verso le 18, stende le coperte, e passa la notte lì. Lui non fa male a una mosca, è un povero disgraziato. Ogni tanto ne arrivano altri. Capita anche che alcuni di loro litighino per il posto e si mettano le mani addosso».

Se da un lato il commerciante si sente umanamente vicino a questa persona, che oltretutto ha dormito all’addiaccio anche quando faceva freddo, dall’altro non può ignorare le inevitabili conseguenze che tutto ciò ha sul suo lavoro. «Una volta un uomo è svenuto qui davanti – continua -, ho dovuto chiedere l’intervento di un’ambulanza. Mi è stato spiegato che spesso si ubriaca, sta male e chiama il 118. Almeno ha poi un posto per dormire qualche ora al caldo. Un’altra volta mi si è presentato in negozio un tizio sanguinante… Le mie clienti sono soprattutto donne e spesso gli ultimi trattamenti finiscono quando è già calato il sole: le accompagno io alla macchina perché uscire da sole le intimorisce».


Repetto segnala la situazione della via e più in generale della zona ormai da settimane, pubblicando fotografie su Facebook e rivolgendosi all’amministrazione: «Ho provato a parlare con il sindaco – spiega -, una settimana fa ho lasciato un messaggio alla sua segretaria. Ora aspetto e spero di essere ricontattato. Anche perché di recente è stato addirittura rimosso il cestino dell’immondizia, così adesso a terra c’è di tutto».
Lo sfogo del commerciante non è diretto contro queste persone, un aspetto che ci tiene a ribadire: «E’ una lotta tra poveri, non ha senso prendersela con loro. A me dispiace, capita che gli dia qualcosa da mangiare, ma non posso fare più di tanto, a fine mese devo comunque pagare le spese e questa situazione non aiuta. Avere persone che bivaccano e fanno i bisogni davanti al negozio di sicuro non stimola i clienti a venire qui. Già è dura così, se non si risolve il problema, qui non viene più nessuno».
«Non mi interessa mandarli via o togliere loro anche la panchina – conclude -, ma credo che debbano essere aiutati nei luoghi deputati a farlo».

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com