La Provincia di Biella > Attualità > Oropa e il tiro alla fune…
Attualità Biella -

Oropa e il tiro alla fune…

Sale & Pepe, la rubrica di Luigi Apicella

Cari amici, ci si aspetta una “valanga” di aiuti per la montagna biellese per la quale anche le forze politiche sono scese “in pista” a fianco di operatori e albergatori del settore. Comprese quelle stesse forze politiche che sono al governo in Regione Piemonte (e qualcuna anche al governo ora) quasi a voler dire che ormai più che l’aula conta la piazza.

Che si governa dentro al palazzo ma si manifesta “contro” anche allo stesso tempo. Per valutare poi cosa convenga di più: essere forza di governo o piuttosto forza di opposizione? Se chi governa in Regione (e non solo) scende in piazza per chiedere alla… Regione (e non solo) aiuti e indennizzi in tempi brevi mi pare un controsenso, ma se serve ci faremo andare bene pure questo…

In questo i grillini a cinque stelle hanno fatto scuola, dicendo tutto e il contrario di tutto, con i risultati che vediamo ogni giorno. L’apri e chiudi di questi mesi poi, alimenta ansia e insicurezza tra la gente, un po’ meno tra alcuni esponenti dei partiti a cui non par vero di poter continuare a “cavalcare” – a livello mediatico per carità – l’onda lunga del virus e delle sue varianti. “Franchino mani grosse e cervello fino” è un mio dipendente storico che da anni: osserva tutto e tutti e poi, quando meno te lo aspetti, manifesta il suo pensiero, il più delle volte con una frase sintetica che fotografa la situazione. Senza urla, parole al vento, considerazioni fuori posto.

Alla faccia dei social e dei tanti chiacchieroni che anche a Biella animano, o sarebbe meglio dire rianimano le giornate in questa nostra Biella sempre in cerca di una giornata di sole che non arriva. Recentemente, sul caso dei treni in città e sul dibattito tra addetti ai lavori e pendolari di cosa fosse meglio fare per la tratta Biella –Novara (elettrificarla come la Biella – Santhià o sperimentare i treni ad idrogeno?) dopo cinque minuti di silenzio si è girato e mi ha detto: “Non capisco, l’altro giorno un amico mio è rimasto fermo 40 minuti sul treno lungo la tratta per Novara. Elettricità o Idrogeno, l’importante è che lui riesca ad arrivare al lavoro in orario, il resto saranno chiacchiere o no? Vero Luiggi?” Vero. Ora un altro dei temi chiave per il territorio resta quello del salvataggio delle funivie di Oropa, patrimonio di tutti per cui si deve fare tutto il possibile.

L’aiuto della Regione non basta, Corradino dice che il Comune non si sottrarrà ma si aspetta un gioco di squadra più ampio. Perché non ipotizzare allora anche una sorta di azionariato popolare (per chi volesse e ne avesse la possibilità) che non sarà risolutivo ma darebbe almeno un segno dimostrativo di unità, di voglia di lottare, di incoraggiamento per le istituzioni incaricate di trovare le risorse. Idea romantica? Forse. Però per le funivie di Oropa servono lungimiranza e guardare avanti… “Fino alla fune…”.

Luigi Apicella

© riproduzione riservata