Seguici su

Attualità

Ecco come cambierà la vita dei biellesi da lunedì 26 aprile

Pubblicato

il

BIELLA – Da lunedì 26 aprile Biella inizia il suo percorso verso la normalità dal 26 aprile.  Gradualmente riapriranno ristoranti, teatri, palestre, stabilimenti e fiere. Tra gli elementi chiave della ripartenza ci sarà un pass, che permetterà di spostarsi ovunque, anche tra regioni di colore diverso, oltre alla possibilità di accedere a stadi, concerti e altri eventi.

Tutti i particolari su La Nuova Provincia di Biella in edicola oggi con in regalo il gratta e vinci per fare la spesa gratis all’Ipercoop di Biella. Non perdete l’appuntamento in edicola!

I primi a ripartire saranno i ristoratori: in zona gialla, dal 26 aprile a tutto il mese di maggio, sarà possibile pranzare o cenare solo nei locali che hanno tavoli all’aperto e dal primo giugno si mangia nei ristoranti al chiuso solo a pranzo. Contemporaneamente – sempre in area gialla – riapriranno a cielo aperto teatri, cinema e spettacoli mentre per i musei sarà possibile accogliere i visitatori anche al chiuso, così come per gli spettacoli che avranno i limiti di capienza fissati per le sale dai protocolli anti contagio.

Dal 15 maggio sarà consentita l’attività nelle piscine scoperte e probabilmente negli stabilimenti balneari. Sarà permesso frequentare le palestre al chiuso soltanto dal primo giugno.

A luglio sarà la volta delle fiere, delle terme e dei parchi tematici. Parallelamente, i ragazzi tornano in classe. Fin dal 26 aprile in zona gialla e arancione tutte le scuole saranno in presenza e in quella rossa sarà così fino alla terza media, mentre alle superiori l’attività si svolgerà almeno al 50% tra i banchi.

Il pass che consentirà di circolare liberamente è un documento che dovrà attestare la vaccinazione, l’esecuzione di un tampone negativo (forse nell’arco temporale delle ultime 48 ore) o l’avvenuta guarigione dal Covid. Chi avrà il pass potrà anche accedere “a determinati eventi – culturali e sportivi – riservati ai soggetti che ne sono muniti”, viene fatto sapere da chi lavora al decreto.

Non è ancora chiaro, però, se si tratterà di un certificato che sarà rilasciato da Asl, Regione o un altro ente sanitario.

1 Commento

1 Commento

  1. Angelo

    17 Aprile 2021 at 15:53

    X i ristoranti limitare all’aperto la possibilità di pranzare è una presa in giro .o apri anche all’interno o non serve a niente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *