Seguici su

Attualità

Biella, i maturandi vorrebbero il maxi orale senza lo scritto

Pubblicato

il

BIELLA – L’ansiosa “notte prima degli esami” di maturità, tanto decantata da Venditti, purtroppo o per fortuna, è ancora lontana per i ragazzi di 5^ che quest’anno si apprestano a lasciare le aule delle scuole superiori. Sarà sicuramente un periodo intenso ed indimenticabile, tutti noi bene o male ce ne ricordiamo; il momento che precede il salto nel vuoto verso il futuro e l’età adulta, quell’esame che ad alcuni ha tolto il sonno e che per altri, invece, è stato un gioco da ragazzi.

L’esame di Stato di cui tutti i professori parlano, dal primo giorno di quinta superiore e che segna il traguardo di un lungo percorso e l’inizio di una “nuova vita”, oggi forse un po’ troppo incerta per questi giovani. Quel terno all’otto, nel quale influisce anche un pizzico di fortuna, ma che poi non è altro che il corollario di un percorso durato cinque anni e che rappresenta la resa dei conti finale.


Ma il tanto atteso esame di maturità, seppur lontano, è un evento certo e tra poche settimane si conosceranno le modalità ufficiali. Si parla di due date: 16 e il 17 giugno, ma ancora non ci è dato sapere se si tratterà di scritto e orale, un po’ alla vecchia maniera, oppure se verrà ripetuto il format dell’anno scorso con il cosiddetto “maxi orale” svolto in presenza con una commissione interna.


Sicuramente mesi e mesi di lezioni in Dad (didattica a distanza) ed il recente ritorno alle lezioni in presenza al 50% ha i suoi contro in previsione di un esame di maturità “vecchio stile” formato da: uno scritto inviato dal ministero suddiviso in tre prove e un orale generale con tesina, da presentare ad una commissione composta da una commissione mista, costituita da professori interni ed esterni.

Ciò non toglie che i maturandi 2021, hanno il vantaggio di finire l’anno scolastico in presenza, e quindi la loro situazione è ben diversa rispetto ai più sfortunati alunni di quinta dello scorso anno. Così sulla falsa riga della decisione intrapresa dal Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, Gianluca Spagnolo preside del Liceo I.I.S Giuseppe & Quintino Sella di Biella, conosciuto ed apprezzato per le sue qualità di dirigente scolastico, sia dal corpo docenti che dai ragazzi dell’Istituto, ha deciso di somministrare un questionario interno ed informale sull’esame di maturità, in particolare le domande sono state rivolte ad un campione di 6 classi quinte su 9, per ottenere almeno il 60% dei pareri. Con la finalità di dar voce agli studenti e conoscere le loro opinioni, i futuri maturandi hanno risposto liberamente a due domane: vorreste una commissione composta esclusivamente da docenti interni, oppure preferireste, come di consueto, tre professori interni e tre esterni?
La seconda domanda verteva sulla modalità dell’esame finale: preferireste il format del 2020, con il “maxi esame orale”, il cui scritto verrà sostituito da un elaborato assegnato dal proprio docente, da consegnare e discutere in sede d’esame?


« I risultati che emergono dal questionario interno, che è stata un’iniziativa esclusiva della scuola, ha avuto un riscontro abbastanza prevedibile e in qualche modo già preannunciato dal ministro Azzolina – afferma il dirigente scolastico – la maggior parte dei nostri allievi preferirebbe un esame orale unico, come lo scorso anno, ovviamente non starà a me decidere la modalità dell’Esame di Stato, ma visto e considerato che i ragazzi, finiranno l’anno scolastico con lezioni in presenza al 50%, si potrebbe tranquillamente fare un orale ed uno scritto».


Fortunatamente l’incertezza sull’esame di maturità verrà risolto tra qualche settimana, quando si conoscerà il destino dei maturandi. Il ministro dell’Istruzione assicura che sarà un esame estremamente serio, indipendentemente dalla modalità che verrà scelta; nelle prossime settimane verrà fatta chiarezza, per ora agli studenti, non resta che continuare a studiare sodo per poter essere in grado di affrontare qualsiasi tipo di prova, gli venga assegnata.

Sara Curatolo

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *