La Provincia di Biella > Attualità > Asl di Biella, donatori di sangue Avis e Fidas non hanno ancora il diritto alla vaccinazione Covid-19

GDL Salute

Attualità, Salute
0 commenti.

Asl di Biella, donatori di sangue Avis e Fidas non hanno ancora il diritto alla vaccinazione Covid-19

Disguido: “chi si fosse già prenotato è pregato di non presentarsi all’appuntamento”

Scritto da: mariafrapie@gmail.com

BIELLA – “L’Asl di Biella rende noto che tra le categorie previste per la vaccinazione covid-19, in questa prima fase, è indicato il “Volontariato che sta attualmente prestando servizio attivo per conto o presso Asl, ospedali e strutture socio assistenziali”, – inizia così il comunicato dell’ASLBI -, come le Croci e le attività di volontariato presso le unità di raccolta sangue sul territorio.

“In questi giorni, – prosegue così il comunicato dell’azienda ospedaliera – sono pervenute molte richieste di chiarimenti da parte di Associazioni di volontariato del territorio ed in particolare per i donatori di sangue appartenente ad associazioni quali AVIS e FIDAS, al momento tale diritto è riservato solo a chi svolge attività di volontariato presso le unità di raccolta sangue sul territorio.”

“L’ASL di Biella ha provveduto a inviare questa mattina una nota di precisazione – così precisa – . Si avvisano pertanto tutti i donatori AVIS e FIDAS che si fossero già prenotati di non presentarsi all’appuntamento, benché fissato, in attesa di comunicazioni specifiche rivolte ai donatori da parte del Ministero della Salute, del Centro Nazionale Sangue e delle Regioni.”

“Seguiranno appena disponibili ulteriori comunicazioni e relative modalità organizzative, in accordo tra ASL e Associazioni di Donatori. Spiacenti per il disguido generato da una non facile interpretazione – e con questo conclude – , si coglie l’occasione per ringraziare per la costante e preziosa collaborazione.”