Seguici su

Attualità

Alimentari, contro l’aumento dei prezzi la difesa dei consumatori è la caccia alle offerte

Ricerca dell’Unione Nazionale dei consumatori del Piemonte: il caso limite è dei salumi per i quali la ricerca di prezzi scontati è cresciuta del 2000%

Pubblicato

il

Il carrello della spesa ha subito negli ultimi mesi un aumento medio del 15% in Piemonte ed è boom della caccia alle offerte: +230% per le uova, +140% per il vino, fino al caso limite dei salumi, per i quali la ricerca di prezzi scontati è cresciuta addirittura del 2000%. Sono i dati di uno studio condotto dall’Unione Nazionale dei consumatori del Piemonte, curato dal presidente, l’avvocato Patrizia Polliotto e dal giornalista Maurizio Scandurra. Tra le conseguenze del caro-prezzi la ricerca sempre più sostenuta di offerte in supermercati e discount.   “La corsa al miglior prezzo per gli alimentari ha raggiunto livelli vertiginosi come mai dal Dopoguerra – spiegano – anche nel caso dell’acqua la ricerca dei prezzi più vantaggiOsi è cresciuta del 120%. E per i prodotti da panificazione, inclusi biscotti e crackers, frutta e verdura la caccia alle scontistiche sale rispettivamente del 40, 5 e 15%”.  Il fenomeno “colpisce anche il web – aggiunge Scandurra – facendo registrare quasi il 40% in più di ricerca di promozioni per cibo, casa e vestiario”.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adv
adv
adv

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com