Seguici su

Attualità

AAA alberghi, ristoranti e bar cercano disperatamente lavoratori

Un articolo di Vittorio Barazzotto

Pubblicato

il

Forse perché assuefatti da una sequenza continua di cattive notizie, non riusciamo a dare il giusto peso agli appelli accorati del mondo del lavoro e che danno speranza sulla vitalità della nostra economia.

Parliamo delle difficoltà nel reperire camerieri, lavapiatti, maître di sala da parte di ristoratori ed albergatori biellesi che spesso limitano le proprie commesse, proprio a causa della mancanza di personale.

Per la famiglia Tosetti, che a Biella gestisce il più grande albergo cittadino, le candidature sono ridotte al minino, tant’è che dal 2019 non si ricevono quasi più curriculum per la messa in disponibilità al lavoro.

Anche per le famiglie Maio e Ramella, specializzate in ristorazione e nell’organizzazione di catering, il reperimento di lavoratori è sempre più complesso.

Le cause sono molteplici. In primis le scuole professionali che in Italia privilegiano poco l’esperienza lavorativa; gli istituti si sforzano nel gestire stage estivi per gli studenti degli istituti alberghieri, ma i programmi ministeriali rimangono ancorati ad un’impostazione più teorica, a scapito dell’esperienza in campo.

Gli stage estivi inoltre spesso vengono visti dai giovani come opportunità non solo lavorative, per cui sono incentivati a trascorrere la stagione in luoghi di villeggiatura, scontrandosi talvolta con delusioni e, nei casi peggiori, con situazioni di sfruttamento che li demotivano nel tornare a cercare nuovi impieghi.

Poi contribuisce l’annosa questione dell’indennità di disoccupazione e del reddito di cittadinanza, soprattutto se ne beneficiano i ragazzi, che non funge da incentivo e che spegne l’intraprendenza giovanile.

Mettere in equilibrio tutti questi fattori non è difficile se si iniziano a rivalutare gli stage e gli impieghi stagionali in strutture della zona di residenza, così da creare un canale diretto tra scuola e lavoro, formare i ragazzi ad una professione e, al contempo, contribuire alla crescita di imprese locali. Urge però una riforma ministeriale delle scuole professionali per renderle meno scollate dalla realtà e per addestrare efficacemente le nuove generazioni al lavoro.
Vittorio Barazzotto

1 Commento

1 Commento

  1. Simona

    19 Luglio 2022 at 10:32

    Penso che I ragazzi d’oggi sono già poco motivati, e venendo pagati 5 euro l’ora li, demotiva di più…. Calcolando che una volta mio figlio per 18 ore di lavoro gli avevano dato 100 euro!!!!
    Ovvio che un ragazzo di 20 anni, ti risponde… Mi ci pulisco il culo.. Al, gg d’oggi purtroppo non ci fai più nulla… Nemmeno gli extracomunitari prendono poco così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com