La Provincia di Biella > Senza categoria > Nuovo ospedale, continua il trasferimento dei degenti
Senza categoria Basso Biellese Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Nuovo ospedale, continua il trasferimento dei degenti

Proseguono le operazioni di trasferimento dei pazienti dal presidio di via Caraccio al nuovo ospedale dell’ASL BI.

Proseguono le operazioni di trasferimento dei pazienti dal presidio di via Caraccio al nuovo ospedale dell’ASL BI.

Proseguono le operazioni di trasferimento dei pazienti dal presidio di via Caraccio al nuovo ospedale dell’ASL BI.

Questa mattina sono stati trasferiti 28 pazienti: 9 degenti della Neurologia, 11 pazienti dell’Ortopedia e Traumatologia e 8 pazienti della Chirurgia Generale ad Alta Complessità.

Dal confronto con gli operatori emerge soddisfazione per la riuscita delle operazioni: “Direi che le cose stanno andando bene – spiega Mariangela Russo, coordinatore infermieristico della Neurologia-. A parte qualche momento di concitazione iniziale legato alla necessità di collegare le diverse apparecchiature mediche, l’intera macchina organizzativa ha funzionato fluidamente. Gli ambienti di lavoro sono confortevoli, sia per noi sia per i degenti”.

I pazienti stanno vivendo con serenità le diverse fasi di trasferimento: c’è chi rimane colpito dalle dimensioni della struttura, chi dalla luminosità delle camere, ma anche chi avrebbe preferito stanze di degenza a più letti per avere maggior compagnia durante il ricovero.

Susanna Miola, responsabile dell’Unità di Crisi presso il nuovo ospedale spiega come si stanno svolgendo le operazioni: “Siamo ben coordinati con i radioamatori della Protezione Civile e questo va a vantaggio sia degli operatori sia dei pazienti. Le tempistiche sono rispettate. Nessun paziente attende nella camera calda del Pronto Soccorso del nuovo ospedale, ma viene immediatamente trasportato nella propria camera di degenza sin dal momento dell’arrivo”. 

Attualmente è in corso il trasferimento dei pazienti del reparto di Oncologia. Seguiranno la degenza della libera professione, dermatologia, chirurgia vascolare, oculistica, otorinolaringoiatria.

Articolo precedente
Articolo precedente