La Provincia di Biella > Eventi e cultura > Al via i corsi di cucina
Eventi e cultura Cossatese -

Al via i corsi di cucina

Sono in arrivo diversi corsi di cucina per i ragazzi che frequentano le scuole e per gli adulti. L'Amministrazione comunale di Quaregna, in collaborazione con Baci & Abbracci, il delegato della regione Piemonte per la FAPI, la Federazione artisti pasticceri italiani, promuoverà l’iniziativa dal prossimo mese di settembre fino a giugno.

Sono in arrivo diversi corsi di cucina per i ragazzi che frequentano le scuole e per gli adulti. L’Amministrazione comunale di Quaregna, in collaborazione con Baci & Abbracci, il delegato della regione Piemonte per la FAPI, la Federazione artisti pasticceri italiani, promuoverà l’iniziativa dal prossimo mese di settembre fino a giugno.

Sono in arrivo diversi corsi di cucina per i ragazzi che frequentano le scuole e per gli adulti. L’Amministrazione comunale di Quaregna, in collaborazione con Baci & Abbracci, il delegato della regione Piemonte per la FAPI, la Federazione artisti pasticceri italiani, promuoverà l’iniziativa dal prossimo mese di settembre fino a giugno.

«Il progetto è stato pensato essenzialmente per coinvolgere le scuole – spiega il sindaco, Katia Giordani -.  I giovani, dagli istituti  dell’infanzia fino a quelli delle  medie superiori, rientreranno sempre fra le nostre priorità. Le lezioni si svolgeranno presso la sala del centro polifunzionale comunale. Ci saranno corsi di cucina tradizionale, e quelli  di cake design che insegneranno a decorare le torte. Sono inoltre stati messi in campo altri  corsi dedicati per un’alimentazione priva di glutine.  Non nascondo che  sarebbe davvero molto bello se potessimo, magari in futuro  ospitare dei corsi di cucina internazionale. L’idea che più mi preme è quella di attuare una convenzione con le scuole, in modo da poter coinvolgere tutti gli istituti alberghieri presenti sul territorio.  Ricordo che fra le opportunità che metteremo in campo  – conclude Katia Giordani -, ci saranno anche i corsi di quaranta ore validi per le specializzazioni».

Anna Arietti

Articolo precedente
Articolo precedente