La Provincia di Biella > Attualità > Il sogno di Matteo Gilardi: diventare sacerdote
Attualità Cossatese Valli Mosso e Sessera -

Il sogno di Matteo Gilardi: diventare sacerdote

In un momento in cui la Chiesa cattolica evidenzia un calo drastico delle vocazioni sacerdotali, alla parrocchia di Gesù Nostra Speranza di via Paruzza arriva Matteo Gilardi, 33 anni, originario di frazione Ponzone di Trivero, che invece il cammino pastorale l’ha scelto.

In un momento in cui la Chiesa cattolica evidenzia un calo drastico delle vocazioni sacerdotali, alla parrocchia di Gesù Nostra Speranza di via Paruzza arriva Matteo Gilardi, 33 anni, originario di frazione Ponzone di Trivero, che invece il cammino pastorale l’ha scelto.

In un momento in cui la Chiesa cattolica evidenzia un calo drastico delle vocazioni sacerdotali, alla parrocchia di Gesù Nostra Speranza di via Paruzza arriva Matteo Gilardi, 33 anni, originario di frazione Ponzone di Trivero, che invece il cammino pastorale l’ha scelto.

“Frequento l’anno propedeutico presso il Seminario vescovile di Biella – spiega -. Dal lunedì al venerdì seguo le lezioni che si tengono a Novara. Il sabato e la domenica mi trasferisco in parrocchia con don Alberto Boschetto e con don Marco Vitali. Offro servizio nella liturgia durante la celebrazione eucaristica e aiuto in oratorio, anche presso la chiesa di Mottalciata, sempre coordinata da don Alberto. Rimarrò con loro per almeno un anno”.

Il percorso di Matteo inizia di recente, ma la vocazione sarebbe sorta quando era un ragazzino. “Nel corso degli anni, la spiritualità si è fatta strada in me fino a materializzarsi con l’iscrizione al seminario che mi porterà, almeno spero, al sacerdozio. Il ciclo di studi durerà sei anni. E’ un’esperienza che apre ai rapporti umani e porta a conoscere la vita in parrocchia. Ai ragazzi che guardano al mio stesso percorso dico di non avere timore del Signore. Il nostro è un Gesù che ama e ha misericordia perché ha vissuto la medesima natura umana. Attende soltanto che gli apriamo il nostro cuore. Non è facile capire quando è il momento. Conta metterci impegno e Dio, al momento giusto, ci indicherà la strada”.

Articolo precedente
Articolo precedente