Seguici su

Biella

Matilde Ferraris concede il bis ai Campionati Italiani

Secondo oro consecutivo per la portacolori della Pugilistica Biella Boxe, Sara Moksiti d’argento

Pubblicato

il

BIELLA – Una medaglia d’oro e una d’argento rappresentano il bottino con il quale la Pugilistica Biella Boxe fa ritorno da Roseto degli Abruzzi, teatro nel fine settimana dei Campionati Italiani di boxe riservati alle classi femminili Schoolgirl, Junior e Youth.

Sul gradino più alto del podio, con il titolo tricolore, è salita ancora una volta Matilde Ferraris, che ha bissato il successo conquistato già un anno fa nella categoria 54 kg Junior. L’allieva del maestro Vincenzo Frascella, che l’ha seguito passo dopo passo dall’angolo, non ha di fatto avuto rivali, battendo prima la lombarda Federica Elli (campionessa 2020 tra le Schoolgirl) e nella finalissima la siciliana Sharon Cancemi, brava e capace di lottare sino all’ultimo secondo ma costretta ad arrendersi alla più forte biellese, che ha sempre condotto il match mantenendo la lunga distanza. Quasi scontata, ormai, la convocazione in nazionale di Ferraris in vista dei prossimi Campionati Europei.

Il secondo posto, non senza un pizzico di rammarico, è stato appannaggio di Sara Moksiti nella categoria Schoolgirl 60 kg. Dopo aver superato la laziale Carlotta Caliciotti in semifinale, Moksiti ha dovuto fare i conti in finale con la toscana Sara Gasperini. E più che dalla rivale, alla quale era superiore tecnicamente, è stata battuta dalla stanchezza e dall’emozione, che le hanno giocato un brutto scherzo e ne hanno minato le sicurezze.

Si è invece fermata ai quarti di finale la terza rappresentante del sodalizio che si allena nella palestra di Fit 4 You, la Youth Francesca Laura Biondo, sconfitta al termine di un incontro molto combattuto dalla marchigiana Alessia Corradetti. Stessa sorte Angela Viana, rappresentante della filiale di Candelo della Boxing Club Biella (dove è seguita dal maestro Maurizio Vitale): si è arresa alla ligure, futura finalista, Giorgia Trabotto.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *