Seguici su

Sport

Massimo Raseni ospite d’onore del Panathlon Club Biella

Durante il convivio del mese di novembre si è parlato di sport e intelligenza artificiale

Pubblicato

il

Lo sport nell’epoca dell’intelligenza artificiale. Ha provato a spiegarne contenuti, significati, implicazioni, anche se molto deve ancora essere compreso e interpretato da tutti, Massimo Raseni, già allenatore di basket a Biella e non solo, ora agente sportivo di alto livello, con atleti rappresentati in tutta Europa Oltreoceano. Proprio Raseni (nella foto con Luca Monteleone, presidente del cosiddetto “senato sportivo” laniero) è stato ospite del tradizionale convivio mensile del Panathlon, martedì scorso nei saloni del Circolo Sociale.

«Oltre agli affari, dagli Stati Uniti arriva il concetto dell’intrattenimento puro e in quel campo, dove big data generano software sofisticati, si stanno muovendo in tanti e di corsa – ha detto -. Perché? Per arrivare primi e fare altri guadagni».

Quello che scompare sono le emozioni, le sensazioni della sfida in di un vero campo di gara. Affidando poi alla IA la formazione del gruppo, si perde senza ombra di dubbio la chimica di una squadra. «E allora i nostri valori – ha riprende l’agente sportivo -, quelli che ci hanno dato i nostri genitori e che con mia moglie abbiamo trasmesso alle nostre figlie, devono essere per noi faro in questa professione. Un lavoro quello del procuratore che è l’equivalente di un’agenzia per il lavoro interinale, che mette semplicemente insieme domanda e offerta».

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *