Seguici su

Attualità

Viabilità Piemonte, al via il completamento della Asti-Cuneo

Pubblicato

il

Il parere favorevole del Cipe (Comitato interministeriale di programmazione economica) allo schema di finanziamento per il completamento dell’autostrada Asti-Cuneo è stato accolto con grande soddisfazione dalla Regione Piemonte. Il presidente Alberto Cirio lo definisce “un passaggio estremamente importante”, evidenzia che “dopo la partenza dell’ospedale di Verduno facciamo un nuovo passo avanti per completare un’altra grande opera che il nostro territorio aspetta da decenni”, ma garantisce che “non abbassiamo però la guardia e ora continuiamo a lavorare per l’apertura dei cantieri”.

Gli interventi

Il completamento della Asti-Cuneo è da eseguire entro i prossimi 4 anni. Il cronoprogramma allegato al nuovo Atto convenzionale prevede l’immediato avvio dei lavori per il lotto 2.6 Roddi-Diga Enel, che si estende per 9,7 km, l’adeguamento della tangenziale di Alba e le interconnessioni con la viabilità locale. L’infrastruttura infatti garantisce la razionalizzazione della viabilità di interconnessione tra la la SP7 Verduno-Bra, la SP662 Marene-Bra e la SS231 Marene-Fossano-Bra. L’opera inoltre si collega alle reti di grande comunicazione interregionale (A6 Torino-Savona, A21 Torino-Piacenza) ed ai corridoi internazionali attraverso la A4 e la A5.

L’Atto convenzionale della Satap A4 Torino-Milano prevede interventi di riqualificazione autostradale e istallazione di impianti tecnlogici per una spesa complessiva prevista di 150 milioni di euro da eseguire nei prossimi quattro anni. Inoltre, recepisce il nuovo regime tariffario secondo le regole dell’Autorità di regolazione dei trasporti con l’applicazione di pedaggi direttamente correlati ai costi effettivamente sostenuti

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *