La Provincia di Biella > Politica > Assessora Chiara Caucino, lei ha insultato, deriso e denigrato le donne che non possono avere figli
Politica Biella -

Assessora Chiara Caucino, lei ha insultato, deriso e denigrato le donne che non possono avere figli

Scrive Greta Cogotti

Gentile Assessora Caucino, Le scrivo questa lettera in merito alla sua scelta di non ritirare il DDLR Allontanamento Zero.

Nei giorni scorsi, sui giornali è stata riportata una Sua dichiarazione in merito al fatto che Lei non ha intenzione di prendere lezioni da chi non ha figli. Con questa affermazione ha insultato, deriso e denigrato tutte quelle donne e uomini che per natura o per altri motivi non possono avere figli. Pertanto, noi del Partito Democratico Biellese ci aspettiamo delle  scuse verso le persone che ha offeso.

Non solo ha idee diverse dalle nostre, ma si sbaglia quando parla di responsabilità genitoriale accostandolo al “possesso” di un figlio.
Gentile Assessora, le ricordo che siamo nel 2020 e non inizio del ‘900, nessuno possiede nessuno, i figli non sono una proprietà. Strano che da avvocata non sappia che i genitori abbiano dei doveri e delle responsabilità nei confronti dei figli. Sono loro, secondo il codice civile, che devono “istruire, educare e assistere moralmente i figli, nel rispetto delle loro capacità, inclinazioni naturali e aspirazioni”(art.147).

I bambini e i ragazzi sono persone e come tali hanno diritti che devono essere loro riconosciuti. Gli allontanamenti avvengono proprio in quei casi in cui i diritti minimi non vengano rispettati.

Cara Assessora, se  osservasse la ricerca effettuata dalla Dott.ssa Paola Ricchiardi (pedagogista sperimentale), noterebbe che il 0,00% degli allontanamenti avviene per sola motivazione economica (vedi grafico) cosa che lei continua a sostenere il contrario, inoltre nel 32% degli allontanamenti i bambini vengono affidati ad altri famigliari e non a “estranei”.
Non mi aspetto che lei mi risponda, quello che mi auguro è che lei possa comprendere che la sua proposta di legge non porterà benefici ai minori anzi metterà a rischio il futuro di circa 2500 minori seguiti fuori dalla famiglia(a dispetto dei 60mila presi in carico).

 Greta Cogotti

(Responsabile diritti Segreteria Partito Democratico Biellese)

© riproduzione riservata