Seguici su

Eventi e cultura

A Piedicavallo va in scena una storia ad alta intensità, la vita del giudice Paolo Borsellino

Sul palco del Teatro Regina Margherita sabato 2 ottobre

Pubblicato

il

PIEDICAVALLO – Sul palco del Teatro Regina Margherita di Piedicavallo sabato 2 ottobre alle ore 21.00  va in scena una storia ad alta intensità, la vita del magistrato Borsellino attraverso la descrizione dell’uomo Paolo.

Il giudice Paolo Borsellino, assassinato da cosa nostra assieme a cinque agenti della sua scorta  nella strage di via d’Amelio, è considerato uno dei personaggi più importanti e prestigiosi nella  lotta contro la mafia, insieme al collega ed amico Giovanni Falcone. Sono passati 25 anni da quel  maledetto 19 luglio, giorno della strage.

Con lo spettacolo si vuole raccontare la vita del magistrato Borsellino attraverso la descrizione  dell’uomo Paolo, un uomo tutto d’un pezzo, un uomo che non accetta compromessi, un uomo dal  forte rigore morale, un uomo semplice diventato eroe, il cui lavoro però non è ancora finito.

“Più delle cifre contano la narrazione di Rossetto, i cambi di intonazione, la capacità di conquistare  l’attenzione. In un’ora e un quarto ad alta intensità, Rossetto ripercorre 15 anni di storia  raccontando il rigore del magistrato e la sua umanità. Un monologo che va ben al di là della solita  classificazione di teatro civile. Applausi e commozione.”

L’appuntamento del 2 ottobre di Teatro in Valle, il festival di teatro e arti performative di Piedicavallo giunto alla terza edizione, è realizzato da Nuvolanove con la collaborazione del Comune di Piedicavallo e di Fondazione Piemonte dal Vivo, il contributo di Fondazione CRT e Fondazione CR Biella.

Informazioni

Ingresso: 10 Euro adulti / 5 Euro bambini
Prevendita biglietti: Presso Cigna Dischi (Via Italia 10, Biella) da lunedì 13 settembre;
Online su Eventbrite: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-borsellino-spettacolo-teatrale 170125240173.

Vendita biglietti: direttamente in biglietteria presso la sede dell’evento a partire dalle 20.30 del 2 ottobre.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *