Seguici su

Cronaca

Lapidi devastate, è stato un ventenne ubriaco

Indagine lampo dei carabinieri di Crevacuore. Individuato a tempo di record l’artefice della vile devastazione al cimitero di Sostegno

Pubblicato

il

Indagine lampo dei carabinieri di Crevacuore. Individuato a tempo di record l’artefice della vile devastazione al cimitero di Sostegno che aveva destato notevole indignazione in paese.

Non poteva restare impunito l’autore del grave vilipendio ai defunti perpetrato in piena notte all’interno del camposanto di Sostegno alcuni giorni fa, quando senza alcuna ragione ignoti vandali avevano danneggiato complessivamente quindici lapidi marmoree.

Nel più stretto riserbo e senza perder tempo i carabinieri della stazione di Crevacuore avevano messo in campo tutte le risorse disponibili, svolgendo accurati accertamenti che hanno permesso di escludere via via tutte le piste più improbabili e ricondurre l’episodio ad un inqualificabile gesto vandalico.

Inesistenti le rivendicazioni e scarse le immagini delle telecamere posizionate nell’area interessata, gli inquirenti hanno dovuto affidarsi alle indagini vecchio stile, fatte di profonda conoscenza del tessuto sociale e dell’esperienza maturata dal comandante della stazione in tanti anni di servizio.

Raccolti i primi elementi, gli investigatori hanno scandagliato l’ambiente giovanile della zona, compreso il mondo dei social network dove i ragazzi non disdegnano di vantarsi di azioni vergognose, e sentito le testimonianze di diversi residenti sino a chiudere il cerchio attorno al responsabile: un ventenne residente nel circondario che avrebbe commesso il vile gesto senza alcuna ragione in preda ai fumi dell’alcool.

Esclusa la presenza di complici.

Conclusa l’indagine, dal comando di Crevacuore è stata trasmessa un’approfondita relazione diretta alla competente Procura della Repubblica di Vercelli nella quale al giovane, dopo avergli notificato gli addebiti, viene contestato il vilipendio delle tombe e dei luoghi di sepoltura nonché il danneggiamento aggravato.

Nel frattempo i proprietari delle tombe profanate si stanno presentando in caserma per presentare le singole querele relative al danno patito.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com