Seguici su

Biella

Esce dal lavoro e trova la propria auto distrutta, contattato dopo due giorni dal responsabile

L’automobilista protagonista dell’incidente si è assunto le proprie responsabilità

Pubblicato

il

BIELLA – Tutto è bene quel che finisce bene: dopo due giorni alla ricerca della persona che gli aveva distrutto la Clio mentre lavorava, un giovane biellese è stato contattato dall’automobilista protagonista dell’incidente, che si è preso le proprie responsabilità.

Tutto è iniziato nella notte tra sabato e domenica, intorno a mezzanotte.
Nel ristorante in cui lavora come cameriere, in via Tollegno, avevano appena concluso il servizio. Uscendo nel cortile lui e i suoi colleghi hanno visto arrivare un uomo di corsa. Lo sconosciuto ha chiesto loro se per caso avessero parcheggiato lungo la strada, perché poco prima un’auto si era schiantata contro una vettura parcheggiata.

E’ quindi arrivata l’amara sorpresa per il ragazzo: il veicolo in questione era proprio il suo. L’impatto era stato molto violento, tanto da spostare il mezzo di una decina di metri, e i danni erano ingenti. Non è stato nemmeno possibile rimettere in moto la Renault Clio, che è stata quindi portata via dal carro attrezzi.

Nessuna traccia del responsabile dell’incidente, che non aveva lasciato alcun biglietto con i propri dati, come invece bisognerebbe fare in questi casi. La vicenda è stata quindi segnalata alla polizia.

Lunedì sera, però, è arrivata la svolta. Poco dopo la pubblicazione dell’appello lanciato sul sito della Nuova Provincia alla ricerca di eventuali testimoni, l’automobilista si è fatto vivo. Ha contattato proprio il ristorante, spiegando chi fosse e chiedendo di essere messo in contatto con il proprietario della Clio. L’uomo si è scusato e ha spiegato di aver atteso circa un quarto d’ora prima di allontanarsi, non vedendo arrivare nessuno e non sapendo a chi rivolgersi a quell’ora.

Dopo due giorni, dunque, il proprietario della Clio ha potuto tirare un sospiro di sollievo: ora sarà possibile avviare tutte le procedure assicurative del caso e avviare la pratica per il risarcimento del danno subito.

red.cr.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *