La Provincia di Biella > Cronaca > Anna Longhini, da Occhieppo a Firenze per studiare le politiche di domani
Cronaca Biella -

Anna Longhini, da Occhieppo a Firenze per studiare le politiche di domani

Nata a Biella, ma vissuta coi genitori a Occhieppo Inferiore, Anna Longhini, 27 anni, è persona schiva e riservata. Per questo accoglie non con troppo favore l'idea di apparire sulla mia rubrica

Nata a Biella, ma vissuta coi genitori a Occhieppo Inferiore, Anna Longhini, 27 anni, è persona schiva e riservata. Per questo accoglie non con troppo favore l’idea di apparire sulla mia rubrica

Nata a Biella, ma vissuta coi genitori a Occhieppo Inferiore, Anna Longhini, 27 anni, è persona schiva e riservata. Per questo accoglie non con troppo favore l'idea di apparire sulla mia rubrica “Faluspe” della “Provincia di Biella”.

Ma io ho insistito ed ecco quanto mi ha scritto: “Dopo la laurea in Amministrazioni Pubbliche all'Università Bocconi di Milano nel 2010 non pensavo che avrei voluto continuare a studiare. Un concorso provato un po' per curiosità e un po' per caso sembra invece avermi riportato su questa strada. All'inizio del 2012 ho vinto una borsa di dottorato in Scienza Politica – specializzazione Politiche Pubbliche – all'Istituto Italiano di Scienze Umane di Firenze (si tratta un programma congiunto delle università di Bologna, Siena e Firenze). Nell'ambito del dottorato, ogni candidato porta avanti un proprio progetto di ricerca".

"A livello generale – continua -, io mi occupo degli attori non statali delle politiche pubbliche, seguendo un filone di studi che mette in luce come non siano solamente governi, parlamenti e partiti a determinarne il corso. Esistono appunto altri soggetti organizzati, capaci di avere un peso sui processi attraverso cui si prendono le decisioni che riguardano una collettività. Nello specifico, studio i think tanks, organizzazioni di ricerca nate negli Stati Uniti che hanno come obiettivo ultimo proprio quello di influenzare le decisioni pubbliche grazie al know how dei loro esperti".

"Anche in Europa e in Italia – conclude – esistono questi centri, ma le loro funzioni e le loro attività sono molto meno conosciute. Tuttavia, al loro interno si incontrano spesso politici, funzionari governativi, rappresentanti di gruppi di interesse, accademici, ecc. ed è anche in questi luoghi che vengono discusse le politiche di domani”.

Spero Anna non se la prenda se la ritengo una super-faluspa, ma anche il Biellese avrebbe bisogno che tanti bravi giovani potessero lavorare anche per far decollare, o meglio, ridecollare il nostro territorio.

 

© riproduzione riservata