La Provincia di Biella > Attualità > Parcheggio a pagamento dell’Ospedale, per alcuni vorrà dire lavorare un mese solo per pagare la sosta auto
Attualità Biella -

Parcheggio a pagamento dell’Ospedale, per alcuni vorrà dire lavorare un mese solo per pagare la sosta auto

Più di 100 lavoratori costretti ad un “obolo” giornaliero

BIELLA – Riproponiamo integralmente il comunicato giunto in redazione da parte del Segretario Generale della Cdl Biella, Lorenzo Boffa Sandalina, e della responsabile CGIL Ospedale Biella, Carola Micheletti, sulla problematica del parcheggio a pagamento dell’Ospedale cittadino.

In questi mesi di emergenza sanitaria, tutti noi ci siamo spesi in elogi per chi lavorando negli Ospedali si è trovato a stretto contatto con la malattia e si è prodigato per curare chi aveva contratto il Covid 19.

Un’ospedale è una struttura complessa che funziona anche grazie al lavoro di tante lavoratrici e lavoratori dei servizi. Ci sono tutta una serie di aspetti che l’ASL gestisce attraverso lavoratori in appalto dalla pulizia alla manutenzione, dalla vigilanza alla sterilizzazione dei bisturi. Un piccolo mondo di lavoratori ed aziende. Presso il nostro Ospedale ne contiamo almeno 100, compresi i 18 lavoratori interinali dell’ASL, che operano in 15 diverse aziende e si tratta di numeri in difetto.

Si tratta di lavoratori e lavoratrici con condizioni lavorative ed economiche molto diverse. Tra loro troviamo con una certa frequenza persone che fanno part-time involontari e turni spezzati con paghe orarie non molto alte.

Da mesi cerchiamo un interlocuzione con i due Sindaci, di Ponderano e Biella, per discutere dell’impatto che avrà su queste persone il passaggio da gratuito a pagamento del parcheggio dell’Ospedale.

Avremmo voluto far presente ai due Sindaci che più di cento persone si ritroveranno presto a pagare tutti i giorni un obolo per poter prestare la loro opera nel nostro Ospedale.

Un esborso mensile che andrà dai 20 ai 25 euro al mese, se fosse confermato che la tariffa di 1 euro al giorno, all’incirca una spesa di 250/300 euro all’anno, una cifra alta per chiunque, ma ancora di più per chi si reca in Ospedale per 2 o 3 ore al giorno di lavoro, per loro significherà lavorare un mese per pagare la sosta auto.

Il fatto che i due Sindaci ci abbiano ad oggi ignorato non ci ferma, nelle prossime settimane

attraverso Carola Micheletti, la nostra responsabile sindacale in Ospedale, cercheremo di contattare e di confrontarci con le lavoratrici e i lavoratori per definire una serie di assemblee allo scopo non solo di informare tutti della situazione, ma soprattutto di decidere insieme a loro forme di mobilitazione per sensibilizzare i due Sindaci sul problema e ottenere così l’uso gratuito del parcheggio per chi lavora in un servizio essenziale per i cittadini e il territorio.

Il Segretario Generale della Cdl Biella

Lorenzo Boffa Sandalina

La responsabile CGIL Ospedale Biella

Carola Micheletti

© riproduzione riservata