La Provincia di Biella > Attualità > Pagelle 2019, ecco il “migliore dell’anno” con gli altri 10 promossi
Attualità Biella -

Pagelle 2019, ecco il “migliore dell’anno” con gli altri 10 promossi

La tradizionale classifica de La Nuova Provincia di Biella

La Nuova Provincia di Biella ha pubblicato, come da tradizione, le pagelle del 2019. Ecco ecco il “migliore dell’anno” con gli altri 10 promossi.

 

Voto 9 – Mons. Farinella, vescovo

Da poco più di un anno vescovo della Diocesi, a mons. Roberto Farinella spetta il gravoso compito di celebrare il cinquecentesimo anniversario della Madonna Nera di Oropa, un appuntamento molto importante per i fedeli. Impegno gravoso ma anche un grande onore per l’Uomo di Chiesa.

 

Voto 9 – Fabrizia Triolo, prefetto

A fine anno il ministero dell’Interno ha nominato Fabrizia Triolo nuovo prefetto di Biella. Laureata in giurisprudenza, 58 anni, è alla sua prima nomina al vertice dell’Ufficio di governo. In passato ha prestato servizio a Pavia, Alessandria, Brescia e Savona. Auguri di buon lavoro.

 

Voto 9  – Antonio Pola, Lauretana

Grazie a un mirato piano industriale, la società Lauretana di Graglia ha visto crescere il suo fatturato annuo, che è passato da 28 milioni di euro del 2016 a 40 nel 2018. Una performance economica ottenuta sotto la guida dell’amministratore delegato Antonio Pola, premiato a Milano nel mese di novembre.

 

Voto 9 – Lucia Azzolina, Ministro

A dimostrazione che la politica italiana è come le montagne russe c’è il caso di Lucia Azzolina. L’anno scorso ha saputo della sua nomina dopo settimane a causa del lungo conteggio, quest’anno invece è diventata Ministro all’Istruzione nel governo Conte.

 

Voto 9 – Stefano Zucchi, presidente Caritas

Stefano Zucchi è diventato presidente della Caritas diocesana. Non sarà facile non far rimpiangere don Giovanni Perini ma il nostro ex collega giornalista è una persona in gamba. E siamo sicuri che riuscirà ad assolvere nel migliore dei modi un compito non certo facile.

 

Voto 9 – Gildo Zegna, imprenditore

Il Gruppo Ermenegildo Zegna non è solo tessile di altissima qualità. Nelle settimane scorse presso il centro “The Place” di Sandigliano è stata inaugurata una Casa della Salute in collaborazione con l’omonimo gruppo che opera nel settore della sanità privata.

 

Voto 9 – Maurizio Sella, amministratore

Banca Sella continua a macinare utili. Nel primo semestre 2019 l’istituto di credito di cui è presidente Maurizio Sella ha segnato un utile netto di 20 milioni di euro, in crescita del 18,3% rispetto ai 16,9 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente.

 

Voto 9 – Stefano Pedrazzo, Passione Sordevolo

Nel 2020 ritorna la Passione di Sordevolo la cui popolarità è ormai internazionale. Come sempre per la sua riuscita la comunità del centro della Valle Elvo è completamente mobilitata. Un plauso anticipato a tutti i componenti del comitato presieduto da Stefano Rubin Pedrazzo.

 

Voto 9 – Antonio Trada, Pallacanestro

In estate la guida della Pallacanestro Biella è passata dalle mani di Massimo Angelico a quello di Antonio Trada, patron dell’Edil Nol. Alla guida del nuovo presidente la società sta dominando il campionato. Meglio non aggiungere altro e rimanere in attesa della fine del del campionato.

 

Voto-  9,5  Sara, 17 anni simbolo di coraggio

Sara è una ragazza biellese di 17 anni che sta affrontando con coraggio e determinazione un momento difficile. A sostenerla, oltre a parenti, amici e conoscenti, anche la famosa influencer Valentina Ferragni.
A Sara i migliori auguri da parte della nostra redazione!

 

Il personaggio dell’anno 2019 Ezio Greggio: «Grazie, ma così non voglio essere cittadino onorario»

Ad un certo punto, più per convenienza che per convinzione, il comune gli ha offerto la cittadinanza onoraria. A tutti è parso ovvio che la decisione non era altro che una mossa, stupida, per compensare il “no” alla senatrice Liliana Segre. Ezio Greggio avrebbe potuto accettare il titolo – pur sempre un omaggio, per quanto piccolo – venire in città, trascorrere una giornata da protagonista, distribuire e ricevere baci e abbracci. E invece ha detto “No, grazie”.
Al suo posto non tutti l’avrebbero fatto.

 

Leggi anche i primi 12 bocciati, i primi 12 promossi dell’anno e il “peggiore dell’anno” con gli altri 10 bocciati.

 

 

© riproduzione riservata