Seguici su

Attualità

A Biella abbiamo strade peggiori di quelle della vecchia Pompei

Pubblicato

il

Cari amici, la Befana vien di notte, con le strade tutte rotte… Deve aver pensato così la tradizionale “vecchierella” dell’Epifania che tutte le feste si porta via nel suo transitare a Biella portando ovviamente solo ed esclusivamente carbone…

Leggi anche Il cuore oltre la siepe

Avrà anche pensato, la Befana, che tutte le strade “vicinali”, con buca annessa, portano a Biella, e che quindi non ci sarebbe stato pericolo alcuno di perdersi nonostante la sua età avanzata: sarebbe bastato seguire le buche, o meglio i crateri che ormai caratterizzano le nostre vie per arrivare a destinazione. Per Biella Piazzo, invece, voci fidate mi dicono che essendosi anche rotta la sua tradizionale scopa volante, la vecchierella avrebbe optato per prendere la “famigerata” funicolare, ormai divenuta un banalissimo ascensore, per raggiungere anche lì le famiglie biellesi. Peccato non avesse fatto i conti con i tradizionali guasti quotidiani divenuti frequenti quasi come le buche sul manto stradale di viale Macallé o via Pietro Micca solo per citare due strade “di guerra” della nostra città.

E’ vero che passata la Befana si dovrebbe – almeno così dice un sempre più sicuro Corradino – cominciare a vedere un inizio lavori per mettere in sicurezza un po’ di viabilità biellese. Allora in vista di questi tanto sospirati appuntamenti perché non suggerire al nostro bravo sindaco un gemellaggio con la città di Pompei. Sì avete capito bene, proprio con Pompei, in modo che lui, il vicesindaco e i suoi tecnici/operai possano prendere visione del piano strade della città…
Ovviamente mi riferisco alla Pompei antica degli scavi, quella che tutto il mondo ci invidia, quella che nemmeno l’eruzione del Vesuvio del 79 A.C è riuscita a distruggere. Così facendo potrebbe prendere lezioni di come a distanza di millenni quelle strade siano ancora lì. Tra Biella città creativa Unesco e gli scavi di Pompei patrimonio Unesco dell’Umanità il passo è breve, e come direbbe qualcuno oggi a palazzo Oropa “a l’è lu stess…”.

Con queste premesse ci affacciamo dunque all’anno nuovo con… speranza di cambiamento, quel cambiamento che era stato il ritornello ai tempi della campagna elettorale di Corradino e soci, e che, probabilmente, a Biella non è mai arrivato… Forse sarà finito anche lui in una buca, pardon cratere stradale o vicinale… Auguri di Buon Anno e come si dice a Pompei, speruma bén…

Luigi Apicella

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *