La Provincia di Biella > Politica > Cossato dichiara guerra ai mendicanti
Politica Cossatese -

Cossato dichiara guerra ai mendicanti

Basta accattoni sulle strade di Cossato. E' l'obiettivo del sindaco Claudio Corradino, che sta lavorando a un'apposita ordinanza che vada ad arginare il fenomeno, in particolare quello dei (presunti) mendicanti appartenenti alla categoria dei richiedenti asilo ospitati in città.

Basta accattoni sulle strade di Cossato. E’ l’obiettivo del sindaco Claudio Corradino, che sta lavorando a un’apposita ordinanza che vada ad arginare il fenomeno, in particolare quello dei (presunti) mendicanti appartenenti alla categoria dei richiedenti asilo ospitati in città.

Basta accattoni sulle strade di Cossato. E’ l’obiettivo del sindaco Claudio Corradino, che sta lavorando a un’apposita ordinanza che vada ad arginare il fenomeno, in particolare quello dei (presunti) mendicanti appartenenti alla categoria dei richiedenti asilo ospitati in città.

Un’iniziativa spinosa che sta già sollevando polemiche. Innanzitutto perché il semplice accattonaggio dovuto allo stato di necessità, di per sé, in Italia non costituisce più reato già da qualche anno; l’intervento dei sindaci in materia, in passato, ha già portato a ricorsi (accolti) per la dubbia costituzionalità dei provvedimenti. In secondo luogo perché dalla Caritas hanno già assicurato che i questuanti citati da Corradino non fanno parte del gruppo di persone ospitate a cascina Aurora, il centro d’accoglienza gestito a Cossato dal consorzio “Il filo da tessere”.

Articolo precedente
Articolo precedente