Seguici su

Sport

Il Biella Rugby è il nono club in Italia

Pubblicato

il

Nei giorni scorsi, la Federazione Italiana Rugby ha redatto una tabella per l’assegnazione ripartita dei contributi del fondo di salvaguardia a favore delle società affiliate in relazione all’emergenza epidemiologica in atto.

Per la stesura, è stato adottato un moltiplicatore che tiene conto di tutte le attività svolte, dal minirugby alla serie A, da ogni club in relazione all’attività domestica – ad esclusione dell’attività Seniores del Peroni Top12 – fino alla conclusione della stagione 2019/2020 deliberata il 26 marzo dal Consiglio Federale.

E pertanto su 667 società italiane, il Biella Rugby è risultato essere il club più attivo in Piemonte, il nono in Italia. “Il risultato ottenuto è per noi motivo di grande soddisfazione e se teniamo conto di rappresentare una realtà piccola come è Biella e non una grande città come può essere Milano o una regione come il Veneto, territorio di grande tradizione per il nostro sport, lo è ancora di più – è il commento del presidente gialloverde Vittorio Musso -. E’ la conferma che stiamo lavorando bene sotto tutti gli aspetti che determinano la vita di un club. Questo risultato per noi non rappresenta però un punto di arrivo, bensì uno stimolo a fare ancora meglio. Non vediamo l’ora di conoscere i dettagli di quella che potrebbe essere la prossima stagione in modo da poter ripartire il prima possibile guidati dalla nostra solita, grandissima forza della passione”.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *