Seguici su

Sport

Grandi nomi per la “Biella-Oropa”

Pubblicato

il

Quando manca ancora una settimana all’evento sono già 300 gli atleti iscritti alla 45esima edizione della “Biella-Oropa”, in programma sabato 10 ottobre. La gara è una delle poche su strada che ha resistito alla pandemia in corso e sta raccogliendo adesioni non solo dal Piemonte, ma anche dalle vicine Liguria, Valle d’Aosta e Lombardia.

In ambito femminile Biella Sport Promotion e Gac Pettinengo, organizzatori dell’evento, incassano l’iscrizione di una stella di prima grandezza: si tratta della maratoneta e triathleta azzurra Sara Dossena, bergamasca di nascita classe 1984, attualmente tesserata per la 101 Running di Gallarate. Nel 2017 è stata campionessa italiana assoluta dei 10 chilometri su pista e su strada e nel 2018 ha chiuso al sesto posto l’Europeo di Mezza Maratona, vincendo l’oro in Mezza Maratona ai Giochi del Mediterraneo. Con i risultati ottenuti nel 2019 sarebbe stata una delle atlete italiane che avrebbero preso parte alle Olimpiadi di Tokyo, poi rinviate al 2021.

Il suo è un graditissimo ritorno sulle strade che portano ad Oropa: vinse nel 2017 con il tempo di 54 minuti e 21 secondi, che è di fatto il secondo crono di sempre dietro solo a quello record ottenuto da Valeria Straneo nel 2011, quando corse in 52’16”.

Al via anche un’altra atleta di altissimo livello: la padovana Lisa Borzani, classe 1979 tesserata Bergamo Stars, nazionale azzurra ai Campionati del Mondo di Trail Running nel 2017 e nel 2018 e plurivincitrice del Tor des Geants..

Il percorso

Il percorso sarà quello ormai consolidato negli ultimi anni, con partenza da via Lamarmora, di fronte alla sede dell’Atl e arrivo ai cancelli del piazzale del Santuario di Oropa dopo 12 chilometri e 200 metri e un dislivello di circa 740 metri, nel quale spiccano le “salitone” del Favaro, dove si tocca una pendenza anche del 13 per cento.

La 45esima edizione ricorda per la 16esima volta il fondatore della gara, Ismar Pasters, e assegnerà anche i trofei Panificio Patti, Eurometallica, Botalla Formaggi e Lauretana, mentre tra i partner annovera anche altre eccellenze del territorio quali Menabrea, Microtech e Cabbia.

Le partenze scaglionate

Le norme anti-Covid hanno obbligato gli organizzatori a qualche modifica. La più importante è quella legata alla partenza che è stata “suddivisa” in tre. Alle 15 partirà l’Onda Gialla, ovvero tutte le donne e gli uomini Over60, alle 15.15 toccherà all’Onda Verde e saranno al via i Master maschili da M45 a M55, alle 15.30 l’Onda Arancio porterà sul percorso tutti gli altri uomini.

Le iscrizioni

Per tutti coloro che vorranno prendere parte alla gara, importante è sapere che le iscrizioni chiuderanno tassativamente a mezzanotte di giovedì 8 (sul sito www.biellasport.net con pagamento il giorno della gara) e, diversamente rispetto al passato, non sarà possibile iscriversi il giorno della corsa.

In questa edizione non è prevista la camminata ludico-motoria e dunque per gareggiare è necessario essere tesserati Fidal, Eps o Runcard ed essere in regola con il certificato medico-sportivo agonistico.

Le norme anti-Covid

Per tutti gli atleti sarà obbligatorio correre i primi 500 metri con la mascherina, conservandola per poterla poi reindossare dopo aver tagliato il traguardo. Come negli anni passati è previsto il trasporto delle borse degli atleti dalla partenza all’arrivo, ma non sarà più organizzato il bus di rientro: i partecipanti potranno usufruire degli autobus di linea dell’Atap che prevedono partenza da Oropa alle 17.53 e alle 19.08 con arrivo a Biella.

Le norme anti-Covid non permettono di organizzare il ristoro aperto a tutti: all’arrivo al traguardo l’organizzazione consegnerà una busta chiusa con il premio di partecipazione e un piccolo ristoro personale. Lungo il percorso, al quinto chilometro, sarà presente un ristoro idrico dove verranno fornite bottigliette di acqua sigillate.

Per tutti i partecipanti, in caso di necessità, è assicurato il servizio medico e l’assistenza sul tracciato da parte del Gruppo Volontari Aib. Sarà presente alla partenza e all’arrivo il personale sanitario della Sogit-Croce di San Giovanni che si occuperà della misurazione della temperatura corporea. Un’ambulanza precederà il primo atleta e una seguirà l’ultimo.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *