Seguici su

Attualità

Produzione industriale: nel trimestre gennaio-marzo nel Biellese in calo del 5,0%

Pubblicato

il

Nel periodo gennaio-marzo 2020, la produzione industriale piemontese ha registrato un crollo del 5,7% sull’analogo periodo dell’anno precedente. Un calo che segue un andamento negativo, anche se ben inferiore, dello 0,5% nel 2019, seguito a quello che era stato un leggero andamento positivo nel 2028, +1,% e nel 2017, +3,6%. E’ questo il dato preminente emerso dal monitoraggio della congiuntura economica piemontese realizzato in collaborazione da Unioncamere Piemonte, Intesa Sanpaolo e UniCredit coinvolgendo 1.859 imprese industriali piemontesi per un numero complessivo di 93.848 addetti e un valore pari a circa 51,9 miliardi di euro di fatturato.

La battuta d’arresto più pesante ha riguardato, in questi primi tre mesi del 2020, le aziende del Verbano Cusio Ossola (-9,6%). Il capoluogo regionale non si è discostato di molto, segnando una flessione del 6,5% rispetto all’analogo periodo del 2019. Un calo in linea con quello medio piemontese è stato registrato a Novara (-5,7%). La produzione manifatturiera è diminuita rispettivamente del 5,0% e del 4,7% a Biella e a Vercelli. Flessioni leggermente più contenute, grazie alla tenuta dell’industria alimentare, sono state invece segnate nei territori del sud del Piemonte. Alessandria ha evidenziato una riduzione della produzione del 4,2%, Asti un calo del 4,1% e Cuneo del 2,7%.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *