Seguici su

Senza categoria

La psicoterapia online può funzionare come quella offline

Si tratta di una soluzione volta ad avere un supporto di uno psicologo online specialmente per affrontare e gestire il quotidiano disturbo di ansia e di stress che sempre più individui devono affrontare

Pubblicato

il

La psicoterapia online può funzionare come quella offline? Ora per chi ha sempre fatto una terapia vis a cis, potrebbe risultare scettico o comunque abbastanza dubbioso nei confronti di questo nuovo metodo di terapia digitale. Senza nulla togliere ai benefici di una terapia di stampo tradizionale, c’è da dire che diversi studi recenti stanno evidenziando come vi siano aspetti positivi, alternativi che sono maggiormente legati verso un approccio moderno di psicoterapia online.

Come funziona un supporto psicologico a distanza

Si tratta di una soluzione volta ad avere un supporto di uno psicologo online specialmente per affrontare e gestire il quotidiano disturbo di ansia e di stress che sempre più individui devono affrontare. Tuttavia bisogna affermare come la psicoterapia online abbia alcuni limiti oggettivi, dove però è utile valutare il rapporto di costi e di benefici. Fatta questa constatazione è utile esprimere un giudizio a favore di una consulenza online, come valido e alternativo strumento di cura seppur a distanza. In effetti questo aspetto tende a evidenziare come il lavoro dei terapeuti sia cambiato, nel corso del tempo, adeguandosi sempre più a una società che progredisce e cambia in modo frenetico. Anche la psicoterapia di stampo maggiormente tradizionale si è adeguata infatti agli strumenti moderni come la chat, le e-mail per comunicare con i propri pazienti. In particolare nel corso degli ultimi due anni la psicoterapia online è stata molto utile per evidenti motivi di ordine sanitario e di emergenza covid-19.

La terapia è basata sullo scambio tra due menti

Bisogna inoltre sottolineare come il rapporto di psicoterapia sia legato principalmente all’incontro e allo scambio tra due menti, questo vuol dire che sotto certi punti di vista effettuare e ricevere una terapia online, tramite strumenti digitali toglie alcuni elementi che possono essere importanti, ma ne acquista di nuovi. L’aspetto più importante che bisogna evidenziare e mettere in risalto però è quello che riguarda fondamentalmente la sua funzione primaria e terapeutica. Questa come abbiamo visto in diversi casi può rimanere integra e in certi pazienti, quelli più introversi, spesso aiuta a uscire dal guscio e a trovare un proprio modo di comunicare a distanza. Sia chiaro: non è facile ed è anche legittimo un certo grado di resistenza e di diffidenza, da parte del paziente e da parte del terapeuta. Il terapeuta infatti deve mettersi in gioco e dimostrare di avere una buona dimestichezza con lo strumento tecnologico.

I pro e i contro del mondo e del pensiero digitale

Del resto non bisogna soffermarsi sul luogo comune secondo cui la chat, la videochiamata o le email sono un metodo di comunicazione freddo e asettico. Questo verrebbe facilmente ribaltato da tante persone che proprio attraverso il mondo digitale hanno trovato amicizia, interessi comuni, sentimenti e spesso anche un lavoro. Bisogna fare quindi uno step in avanti e riorganizzare il proprio modus operandi e vivendi, ma soprattutto stabilire norme e regole in versione digitale tra terapeuta e paziente. Un nuovo contesto in cui muoversi e agire, dunque che è una sfida che può essere facilmente raccolta oppure rigettata. Questo dualismo del resto è alla base del vivere moderno, con individui che ormai hanno trovato nuovi sbocchi grazie ai social network, allo smart working, alle piattaforme digitali di ogni tipo. Il concetto alla base per effettuare una psicoterapia online riguarda quindi la rinegoziazione delle nostre relazioni umane. Ci sono piattaforme dove il paziente può ricevere assistenza e aiuto in termini di terapia a distanza, stabilendo orari, appuntamenti o ogni genere di supporto che desidera, compilando un questionario volto alla creazione di una mappatura delle sfere di interesse e della terapia specifica che si desidera ricevere.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com