La Provincia di Biella > Attualità > Funivie Oropa, il sindaco Claudio Corradino: “Ora il territorio deve trovare 2 milioni di euro”
Attualità, Senza categoria Biella Circondario -

Funivie Oropa, il sindaco Claudio Corradino: “Ora il territorio deve trovare 2 milioni di euro”

Dopo l'impegno della Regione Piemonte per due milioni

Questa mattina il sindaco Claudio Corradino accompagnato dagli assessori Barbara Greggio e Silvio Tosi ha preso parte al tavolo in Regione Piemonte per discutere sul futuro delle Funivie di Oropa. All’incontro con l’assessore ai Rapporti con le società partecipate Fabrizio Ricca erano presenti anche il consigliere regionale biellese Michele Mosca, il presidente uscente Andrea Pollono della Fondazione Funivie di Oropa, il presidente della Camera di Commercio di Biella e Vercelli Alessandro Ciccioni con il direttore Gianpiero Masera, il vice presidente della Provincia di Biella Emanuele Ramella Pralungo e Federica Chilà per la Fondazione Crb.

Dal tavolo è emersa la prospettiva di redigere una serie di piani economici finalizzati prioritariamente a salvaguardare la scadenza della revisione generale di fine vita tecnico degli impianti di risalita e in seconda battuta a sviluppare e incrementare i flussi turistici della Conca di Oropa attraverso lo sviluppo di nuove iniziative.

La Regione ha assicurato in vista della revisione delle funivie un impegno per circa 2 milioni di euro. Ora il territorio dovrà lavorare compatto per raggiungere la cifra necessaria (circa 4 milioni di euro nel complesso) per il completamento dei lavori.

Il sindaco Claudio Corradino si ritiene soddisfatto dell’incontro svolto a Torino: “Siamo reduci da un incontro a Torino senz’altro positivo, abbiamo trovato attenzione e disponibilità da parte della Regione Piemonte e di questo ringrazio il presidente Alberto Cirio, l’assessore Fabrizio Ricca, gli altri membri di giunta e il nostro consigliere Michele Mosca. Ottenute garanzie da parte della Regione, ora il territorio dovrà muoversi compatto per raggiungere il traguardo necessario”.

© riproduzione riservata