Seguici su

Biella

“Una vergogna ospitare a Biella le falsità sul ‘giorno del ricordo'”

Conferenza a Biella nel Giorno del Ricordo. La netta e contraria presa di posizione del Partito Marxista Leninista Italiano.

Pubblicato

il

gabriele urban giorno del ricordo

La conferenza in programma al Museo del Territorio in occasione del “Giorno del ricordo” fa discutere. Riceviamo e pubblichiamo la netta e contraria presa di posizione contraria del Partito Marxista Leninista Italiano.

Anche quest’anno il comune di Biella – amministrato da una sgangherata e litigiosa Giunta di centrodestra divisa su tutto ma risolutamente unita nel celebrare il cosiddetto “giorno del ricordo” – concederà gli spazi del Museo del Territorio affinché possa svolgersi la conferenza intitolata “Il Secolo di sangue. Gli olocausti della modernità” che avrà quale oratore Marco Cimmino.

Le falsità storiche e le faziosità raggiungono l’apice quando si legge, nella pagina ufficiale del Comune di Biella che presenta l’iniziativa di giovedì 10 febbraio, (https://www.comune.biella.it/news/comune-biella-commemora-giorno-ricordo) che “Nel settembre del 1943 e tra il maggio e il giugno del 1945, in queste cavità sparirono diverse migliaia di italiani (la cifra esatta non si saprà mai), ad opera dei partigiani comunisti jugoslavi e italiani che combattevano nell’armata del maresciallo Tito”.

Che falsità! Che vergogna! È inaccettabile che Biella, città Medaglia d’Oro al valore della Resistenza, debba ospitare la demagogia e il populismo di chi ha tutto l’interesse nel dare una visione lacunosa e parziale della tragica storia della Seconda guerra mondiale. A nostro avviso è solo attraverso il ricordo di tutta la cronaca delle tragedie del conflitto che si possono comprendere i fatti del cosiddetto ”esodo” degli italiani giuliano-dalmati.

I cosiddetti “infoibati” altro non erano che poche centinaia non di “veri italiani innocenti” ma di aguzzini e collaboratori del nazifascismo travolti dalla collera popolare dopo decenni di oppressione e di indicibili sofferenze da parte delle masse popolari martoriate di quei territori. Non vi fu alcuna “pulizia etnica antiitaliana” da parte dei partigiani comunisti jugoslavi, ma semmai quella collera giusta e doverosa fu un effetto dell’occupazione nazifascista e dei suoi efferati crimini.

Non è possibile nessuna “memoria condivisa” e in questo quadro il PMLI chiede da sempre con forza la cancellazione de “Il giorno del ricordo”, mostruosa ricorrenza anticomunista e antipartigiana funzionale alla riscrittura della storia finalizzata al dominio della classe dominante borghese italiana e dell’UE imperialista, lo scioglimento di tutte le organizzazioni fasciste, razziste, omofobe, antiabortiste, antifemminili e antigay e la chiusura dei loro covi, la ferma e totale opposizione ad ogni forma di equiparazione tra fascisti e antifascisti, tra nazismo e comunismo, nel quadro della lotta senza quartiere contro i fascisti vecchi e nuovi.

Per il PMLI Biella
Gabriele Urban

 

1 Commento

1 Commento

  1. Angelo

    9 Febbraio 2022 at 20:55

    Ma mochela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com