Seguici su

Opinioni

Lasciate ogni speranza voi che entrate e che uscite… da Biella

Da oggi, la situazione già molto critica dei nostri collegamenti subirà un ulteriore peggioramento. Pensieri e parole di Vittorio Barazzotto

Pubblicato

il

BIELLA – Perdete ogni speranza voi che entrate, e voi che uscite, da Biella.
Da oggi, la situazione già molto critica dei nostri collegamenti subirà un ulteriore peggioramento.

I lavori sul ponte della tangenziale, a cui si aggiungono gli interventi sulla strada per Ronco e quelli di Candelo, per ora sospesi, provocheranno ritardi, code e disagi sulle strade. Gli automobilisti dovranno viaggiare su un percorso di sensi unici, perché non sono stati pensati piani alternativi. In primis snobbando un riadattamento del vecchio guado, richiesto con insistenza da Gianluca Susta e dal sottoscritto qualche mese fa e non cogliendo l’occasione di allestire un attraversamento alternativo e permanente sul Cervo, (bastava guardare ai fondi europei) e uscendo da una miopia cronicizzata i cui effetti tutti vediamo.

Sul fronte ferroviario, arriviamo da una settimana da bollino nero, per blocchi dei passaggi a livello e allagamenti che hanno quotidianamente rallentato l’arrivo a destinazione di centinaia di pendolari, costretti a perdere esami universitari e accumulare ritardi al lavoro. I collegamenti sono da sempre uno dei nostri talloni d’Achille; qualche anno fa, si era lavorato per facilitare l’entrata e l’uscita da Biella con l’elettrificazione della linea per Santhià o per concretizzare il progetto della Pedemontana.

Oggi, gli sforzi del passato sembrano vanificati. Anche in presenza di una continuità politica solidissima tra comune, regione e governo non si è riusciti a coniugare la concomitanza di necessari cantieri e prevedibili imprevisti con l’organizzazione di gestioni più efficaci, ad esempio con l’allestimento di cantieri notturni. Oltre ad un sacrificio senza prospettiva, un capoluogo che ha ambizioni di rilancio turistico non è credibile se non si concentra sui collegamenti, che allo stato attuale, non solo rendono la vita difficile ai residenti, ma fanno desistere anche coloro che vogliono venire da fuori provincia. Che tristezza.

Vittorio Barazzotto

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *