Seguici su

Fuori provincia

“Signora, lei risulta morta”. E non riceve più la pensione

Non riceve la pensione e quando va in banca a chiedere spiegazioni scopre di essere… morta. L’incredibile disavventura di una pensionata

Pubblicato

il

Non riceve la pensione e quando va in banca a chiedere spiegazioni scopre di essere… morta.

Come riporta Prima Torino, ha dovuto dimostrare di essere ancora viva una donna piemontese alla quale l’Inps aveva bloccato il versamento della pensione. La vittima del brutto scherzo della burocrazia è stata una settantenne del Torinese.

Non avendo ricevuto il pagamento a luglio, l’ex insegnante ha chiamato il proprio istituto di credito per capire cosa fosse successo. La risposta è stata incredibile: “Signora, l’Inps ci ha comunicato che lei è morta…”

Ulteriori successivi accertamenti hanno permesso di risalire all’origine del clamoroso errore: si trattava di un caso di omonimia. Poco distante dal suo paese, infatti, era morta una donna con il suo stesso nome ed evidentemente le due donne erano state confuse.

A quel punto alla pensionata non è rimasto altro da fare che rivolgersi al proprio Comune per ottenere la Dichiarazione di esistenza in vita, da inviare con tanto di documento d’identità alla banca e all’Inps. In attesa che la sua situazione possa finalmente essere sbloccata.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com