Seguici su

Fuori provincia

Rimella e la montagna piangono Clelia Tosseri

Si è spenta la valsesiana Clelia Tosseri. Il ricordo di Adriano Titti Antonietti: “Un’amica dal valore umano inestimabile”

Pubblicato

il

clelia tosseri

Rimella piange Clelia: «Con grande dignità e umiltà ha curato la sua terra come una madre».

Si è spenta a 81 anni Clelia Tosseri. Adriano Titti Antonietti ricorda in una lettera, pubblicata da Notizia Oggi, la sua dedizione al territorio.

La pubblichiamo di seguito.

Carissimi amici siamo qua per l’ennesima volta a porgere un saluto a una cara amica di un valore umano inesauribile, che ci ha lasciati nei giorni scorsi. Clelia Tosseri la maggior parte della sua esistenza la vissuta a Rimella dove è nata, e con grande dignità e umiltà ha curato la sua terra come una madre esercita l’amore con i suoi figli e la sua famiglia, ci possiamo permettere di considerare che ci sono più poche persone che curano la terra nelle zone montane con le sue bestiole nella casa dove sono nate e cresciute. In giovane età era andata anche fare servizio presso una famiglia di una città piemontese come ai tempi si faceva per sostenere la propria famiglia siccome numerosa con 4/5 figli e anche di più vivendo solo dei frutti che la terra umilmente ti donava».

Quando tornò fra le sue montagne si mise a curare la sua terra come i suoi genitori le insegnarono, anche aiutata e sostenuta sia nel lavoro che nella vita quotidiana dai suoi fratelli, sorelle e gli amici vicini della frazione Villa Inferiore di Rimella come le genti di montagna sanno azionare il grande valore umano che hanno per non lasciare indietro nessuno.

Nella sua umile bontà spesso parlava a voce alta ma riconosceva chi le voleva bene e l’aiutava invece di chi scherniva l’umile anima che risiedeva in lei. La comunità Walser di Rimella si unisce ai famigliari della nostra cara Clelia ed è dispiaciuta e rammaricata che si riducono sempre di più le persone care a tutti noi Rimellesi che hanno vissuto e fatto crescere il paese di Rimella per come tutti conoscono e come le sue genti hanno saputo trasferire il valore umano delle genti di montagna.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com