Seguici su

Economia

Caro onorevole Roberto Pella, ci faccia sapere come gli industriali useranno i “suoi” 15 milioni di euro

Pubblicato

il

BIELLA – L’Unione indistriale biellese ha diffuso una nota stampa con la quale informa che è stato approvato oggi dalla Commissione Bilancio della Camera dei Deputati l’emendamento alla manovra che prevede lo stanziamento complessivo di 15 milioni di euro nei prossimi tre anni che saranno dedicati al sostegno dell’industria tessile biellese.

“Il primo firmatario dell’emendamento – scrive l’UIB – è il biellese on. Roberto Pella, che, insieme agli altri rappresentanti politici locali, aveva accolto con attenzione il piano “Progetto di rilancio dell’industria e del territorio biellese”, presentato dall’Uib lo scorso 19 ottobre”.

“Un primo doveroso e sentito ringraziamento va all’onorevole Pella che, grazie ad un impegno non scontato, ha segnato un grande risultato per tutto il territorio – afferma il presidente Uib, Giovanni Vietti -. La nostra industria tessile sta infatti attraversando una congiuntura senza precedenti ed è stata fra i settori economici più colpiti dalle conseguenze della pandemia. Grazie a queste risorse importanti è possibile immaginare una strategia di rilancio concreta, che possa dare nuova linfa all’industria che caratterizza il nostro distretto e che rappresenta ancora il cuore manifatturiero del Biellese. Una strategia che deve avere come obiettivo quello di riconquistare la leadership del settore investendo in competenze, ricerca e un diverso modo di “essere tessili”.

In passato – a nostro modesto avviso – non sempre l’UIB ha utulizzato nel migliore dei modi i contributi pubblici ricevuti. La speranza è quella che l’on. Roberto Pella, figlio di imprenditori tessili, con la stessa solerzia con cui ha chiesto i contributi, sappia rendicontare puntualmente, anno dopo anno, il modo in cui gli industriali biellesi useranno i soldi. A beneficio dei loro lavoratori e della comunità locale.

1 Commento

1 Commento

  1. Fabrizio

    21 Dicembre 2020 at 16:50

    Basta consegnare progetti validi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *