La Provincia di Biella > Cronaca > Spacciava droga che ha ucciso una giovane donna, arrestato pusher di 25 anni
Cronaca Fuori provincia -

Spacciava droga che ha ucciso una giovane donna, arrestato pusher di 25 anni

In carcere per il reato di morte come conseguenza di altro reato, quello di spaccio

La settimana scorsa la Polizia di Stato ha arrestato un uomo per il reato di morte come conseguenza di altro reato e per quello di spaccio di sostanze stupefacenti.

Un’indagine per bloccare lo spaccio nella Provincia

Nello specifico la Squadra Mobile della Questura di Vercelli era da tempo impegnata in un’indagine finalizzata ad individuare e bloccare i canali di rifornimento dei consumatori di stupefacenti della provincia.

Le indagini avevano condotto ad un gruppo di soggetti di origine marocchina operanti nel comune di Mortara (PV) e in quelli limitrofi,confinanti col vercellese.

In particolare era stato individuato un giovane marocchino venticinquenne, latitante, in quanto si era sottratto ad una misura di custodia cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Cremona.

La droga venduta ha causato la morte di una giovane donna

L’uomo, in concorso con un altro giovane marocchino precedentemente arrestato, era stato protagonista di alcune cessioni di sostanza stupefacente che avevano causato la morte, per overdose, di una giovane donna, oltre a molte altre cessioni di droga avvenute nei primi mesi del 2019 in vari paesi della Provincia di Cremona.

Preso grazie ad un blitz

Il giovane marocchino aveva deciso di cambiare piazza di spaccio nella quale operare, proprio nel tentativo di sottrarsi alla misura restrittiva emessa dall’A.G. di Cremona.

Non appena individuato, è scattato il blitz degli Uomini della Sezione “Antidroga” della Squadra Mobile che è riuscito a bloccare la macchina sulla quale viaggiava il giovane.

Condotto presso gli Uffici della Questura il marocchino, noto alle Forze dell’Ordine per i numerosi precedenti in materia di stupefacenti, nonché irregolare sul territorio nazionale, terminati gli atti di rito, è stato associato presso la locale casa circondariale.

Immagine di repertorio

© riproduzione riservata