Seguici su

Cronaca

Società estera operante nel Biellese evade le tasse per un ammontare di 2,3 milioni di euro

Pubblicato

il

La Guardia di Finanza di Biella, al termine di un’articolata e complessa attività ispettiva, ha scoperto un’evasione fiscale da parte di una società estera operante in Italia di più di 2 milioni di euro

Una “stabile organizzazione occulta”

Le indagini, iniziate a fine 2018 e terminata pochi giorni fa, hanno preso avvio da una verifica fiscale nei confronti di una società italiana con sede nella provincia di Biella; durante l’accesso a sorpresa nei locali aziendali, i militari, infatti, hanno rinvenuto una grande quantità di documentazione contabile ed extracontabile. L’analisi della documentazione e gli ulteriori riscontri con i file informatici reperiti nel server aziendale della società italiana e le movimentazioni bancarie hanno consentito di delineare i tratti di un fenomeno evasivo conosciuto come “stabile organizzazione occulta” annidata nella sede della società italiana.

Una meticolosa ricostruzione che va dal 2014 al 2018

Tale fenomeno evasivo consiste nell’occultare al fisco una struttura economica permanente situata nel territorio italiano ma appartenente ad una società estera, per evitare di pagare le tasse nel paese dove la società vuole operare. Ciò è reso ancora più vantaggioso dalla costituzione della società estera in paesi che, seppur rientranti nell’Unione Europea, presentano particolari agevolazioni fiscali in quanto zone economiche depresse.

In base ai riscontri investigativi effettuati, presso la stabile organizzazione occulta avveniva la direzione effettiva della società estera presupposto necessario ai sensi dell’articolo 162 comma 2 lettera a) per assoggettare i redditi a tassazione nel territorio italiano. La meticolosa ricostruzione del volume d’affari della società ha permesso ai verificatori di constatare l’omessa dichiarazione al Fisco italiano – nel periodo dal 2014 al 2018 – di ricavi per un ammontare complessivo di € 89.500.000 a fronte di costi ricostruiti e riconosciuti, ma non dichiarati per € 80.200.000.

Un evasione Ires di 2,3 milioni

Sostanzialmente la base imponibile da sottoporre a tassazione (derivante dalla differenza tra i ricavi ed i costi) ammonta a circa 9,2 milioni di euro con un’evasione ai fini delle imposte sul reddito delle società (IRES) stimata per un importo di oltre 2,3 milioni di euro. L’entità dei ricavi conseguiti e le imposte evase hanno fatto scattare la denuncia a piede libero del rappresentante legale della società costituita all’estero, per omessa dichiarazione dei redditi (ex articolo 5 D.Lgs. 10 marzo 2000 n. 74) alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Biella.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com