Seguici su

Cronaca

Smantellata banda dei furti di rame: tra i beni sequestrati anche una Ferrari

Coinvolti cittadini italiani di etnia Sinti, nullafacenti.

Pubblicato

il

La Polizia di Stato nella giornata di ieri ha dato esecuzione ad un Decreto di Sequestro Preventivo di denaro, beni e altre utilità emesso dal  Gip del Tribunale di Novara nei confronti di due conviventi U.B. e B.L., cittadini italiani di etnia Sinti, nullafacenti.

Il predetto Decreto di Sequestro Preventivo si inserisce nell’ambito di una corposa attività d’indagine svolta dalla Squadra Mobile nel corso dell’anno 2022, che ha portato allo smantellamento di un’associazione a delinquere finalizzata ai furti di rame in centrali elettriche e aziende dismesse, con il deferimento all’A.G. di 7 persone delle quali 4 tratte in arresto in flagranza di reato.

Nel corso dell’attività è emerso che U.B., dopo aver acquistato il rame rubato, lo ripuliva e lo rendeva non individuabile per poi venderlo ad aziende specializzate nel recupero materiali ferrosi ed è allo stato attuale indagato anche per il reato di autoriciclaggio.

B.L., compagna di U.B., estranea ai singoli episodi di furto, è attualmente indagata per il reato di riciclaggio poiché faceva confluire, sui conti correnti a lei intestati, il profitto degli illeciti guadagni, successivamente reinvestiti nell’acquisto di immobili e auto di lusso sempre a lei intestate e nella disponibilità di entrambi i conviventi.

Nel corso delle operazioni sono stati sequestrati 5 autoveicoli di cui 2 Ferrari, 2 conti correnti, 1 immobile ad uso abitativo di circa 200 mq e 2 terreni di cui uno edificabile e uno ad uso agricolo per un ammontare approssimativo di circa 550.000 euro.

2 Commenti

2 Comments

  1. Ardmando

    13 Ottobre 2023 at 12:39

    “Coinvolti cittadini italiani di etnia Sinti, nullafacenti.” Diciamo le cose come stanno: questi non sono cittadini italiani. Sono zingari, rom, chiamateli come volete, il succo non cambia: sono sempre loro i nullafacenti che vivono a nostre spese rubando, truffando, sfruttando l’accattonaggio e la prostituzione, perchè lavorare fa schifo. Meglio delinquere. La delinquenza ce l’hanno nel DNA questi e vivono come accattoni ignoranti arricchiti con i furti. Possono sfoggiare auto di lusso (rubate o comprate con soldi rubati) ma dentro, nel profondo restano accattoni ignoranti e nullafacenti. Andate a vedere cosa accade a Milano nelle metropolitane che la giunta comunista finto perbenista, fa finta di non vedere. E indovinate di che etnia sono le famigerate borseggiatrici? Questo non è razzismo, ma statistica e analisi oggettiva dei dati, anche quelli che indicano che nella maggior parte dei casi questa gente non viene toccata dalle autorità che dovrebbero difendere i cittadini italiani. Quelli veri.

    • ernesto trismegisto

      14 Ottobre 2023 at 0:45

      Hai ragione da vendere !
      Sarebbe ora di dare un taglio a tutto questo perbenismo e rispedire a casa loro questi scarti del genere umano !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *