La Provincia di Biella > Cronaca > Rubano la Madonnina della comunità per disabili di Portula, il Sindaco invita i “somari” a restituirla
Cronaca Valli Mosso e Sessera -

Rubano la Madonnina della comunità per disabili di Portula, il Sindaco invita i “somari” a restituirla

“Sarebbe opportuno chiedessero anche scusa, ma temo sia pretendere troppo”

PORTULA – Gli ospiti della Comunità alloggio per disabili di Portula sono rimasti senza la loro Madonnina. Qualcuno, nella notte tra martedì e mercoledì, l’ha rubata. Si tratta di un’immagine devozionale alla quale non solo gli ospiti sono particolarmente affezionati. E’ una statua che è nel cuore di molti abitanti di Portula. Il simulacro, posato in un’edicola nel cortile della struttura, era stato donato qualche tempo fa dalla Pro loco e dall’Aib, entrambe di Coggiola.

L’indignazione

Come riportano i colleghi di NotiziaOggi, il presidente dell’Associazione handicappati Valsessera, Italo Marchi ha commentato così l’episodio sulla sua pagina Facebook: «Qualche personaggio di spiccata intelligenza si è preso il mal di pancia di rubare la Madonnina che avevamo messo nel parco della Comunità alloggio; gli ospiti le erano molto affezionati. Speriamo che la Madonnina faccia loro la grazia».

Il gesto probabilmente è una bravata

Il gesto probabilmente è una bravata, cosa che tuttavia non ne diminuisce la gravità. Anche il sindaco di Portula, Fabrizio Calcia Ros, si unisce allo sdegno . «Qualche imbecille ha pensato di rubarla – afferma senza mezzi termini -. Penso che sia un ragazzata, visto che il valore materiale della statua è irrisorio. Mi auguro che perlomeno questi somari la riportino indietro. Sarebbe opportuno che chiedessero anche scusa, ma temo sia pretendere troppo».

Foto presa dalla pagina FB di Italo Marchi

© riproduzione riservata