Seguici su

Biella

In un bar di Biella gli appestati sono quelli che hanno il Green Pass

Episodio assurdo

Pubblicato

il

BIELLA – Scrivo per segnalare che al bar Second di Biella, in viale Matteotti, a me e a un’amica è stato detto che, avendo il Green Pass, non potevamo sederci all’esterno del locale perché quei posti sono riservati a chi non ha il Green Pass.

Ovviamente, abbiamo cambiato locale. Ma vi senbra normale una cosa del genere? L’impestato non è chi è senza vaccino, ma chi ha la certificazione verde. Sono senza parole.

Lettera firmata

11 Commenti

11 Comments

  1. Baldo

    10 Settembre 2021 at 18:48

    Appunto,chi a il GreePass deve stare dentro. Punto

    • Gigi

      10 Settembre 2021 at 19:07

      Appunto. Chi non è vaccinato deve stare a casa e non impestare gli altri. Punto

    • Cristina

      11 Settembre 2021 at 4:00

      Buongiorno signora, gli appestati ci furono nell medioevo, la ringrazio per questa segnalazione, andrò sicuramente a prendermi un caffè in questo bar, fuori, ovviamente…

  2. Manuela Delmastro

    10 Settembre 2021 at 20:50

    Al signor lettera firmata faccio presente che “impestato” o correttamente appestato è colui che può infettare gli altri con malattie veneree tipo sifilide. Non penso che il covid comporti questo tipo di problema soprattutto alle tipe con la puzza sotto il naso che pretendono il tappeto rosso solo perché hanno la carta verde.

  3. Amos

    10 Settembre 2021 at 23:22

    Ma che grandissima stronzata questo articolo. Se hai il green pass potrai pur accettare che durante una emergenza sanitaria non ti mischino con chi non ce l’ha. Certe persone un minimo di senso civico non ce l’hanno proprio.

  4. J.

    11 Settembre 2021 at 4:52

    SeMbra si scrive così…,Con la M

    i posti migliori se si vogliono si prenotano, mi seMbra una cosa che si fa da sempre…bella lettera🤦‍♀️

  5. IlMoralizzatore

    11 Settembre 2021 at 8:30

    Infatti dovrebbe stare dentro. Mi chiedo se avrebbe fatto la stessa cosa in inverno😂😂. Comunque il Gp non é sinonimo di sicurezza. Molti con il gp si sentono supereroi

    • Cristina

      11 Settembre 2021 at 14:13

      La ringrazio per questa recensione, andrò subito a prendermi un caffè, fuori ovviamente…

  6. Luca

    11 Settembre 2021 at 14:27

    Ma non vi vergognate a fare un articolo simile?
    Lo ritengo al limite della calunnia, forse anche da causa legale.
    Presumo sia libertà di ogni gestore poter disporre degli ambienti come meglio crede in base alle proprie possibilità
    Bene parlarne e quindi confrontarsi
    Pessimo modo citare solo il locale e non chi ha avuto da ridere

  7. Gianluca

    11 Settembre 2021 at 16:41

    perche’ chi e’ senza vaccino saremme un “IMPESTATO” ? come si fa ad essere cosi’ ignoranti ?

  8. 63steap

    16 Settembre 2021 at 10:57

    Mi pare tutto sommato una modalità gestionale di buon senso da parte dei gestori che del resto possono operare come desiderano nel loro esercizio rispettando ovviamente le norme vigenti.
    Ciò che lascia perplessi è che con decine di migliaia di morti, una situazione epidemica ben lungi dall’essere risolta la cosa importante per alcuni è andare al bar, bere l’aperitivo, andare al ristorante….. tutte attività fondamentali nella vita di una persona di cui non si può fare a meno per alcuni mesi. Evidentemente queste persone non hanno meglio da fare o altro a cui pensare nella vita…..Una frase di una canzone del compianto Battiato mi sembra adatta per questo articolo “quante stupide galline che si azzuffano per niente”………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *