La Provincia di Biella > Cronaca > I vandali prendono di mira la biblioteca di Biella
Cronaca Biella -

I vandali prendono di mira la biblioteca di Biella

Presentata denuncia

La Biblioteca Civica e piazza Curiel prese di mira dai vandali. I fatti incresciosi si continuano a ripetere ormai da alcuni mesi e l’intensificarsi di atti illeciti ha spinto questa mattina l’amministrazione a sporgere denuncia contro ignoti.

L’ultimo danno, in ordine cronologico, risale a questa mattina: quando gli addetti della civica si sono imbattuti nell’opera “Dx Peace Sx” imbrattata con parole offensive e volgari. In particolare è stata rovinata la base dell’opera, che era stata inaugurata dall’artista Paolo Barichello lo scorso dicembre. Solo qualche giorno prima ad essere prese di mira erano state invece le pareti della biblioteca, dipinte con vernice rosa.

Ma si tratta solo di alcuni atti vandalici di un lungo ordine cronologico: è stata forzata e rotta una porta sul retro della biblioteca, allagati in diverse occasioni i bagni, imbrattati e strappati libri, e qualcuno ha pure defecato in mezzo a un corridoio. I fatti sono riconducibili sia in orario diurno sia notturno.

Molto amareggio l’assessore alla Cultura Massimiliano Gaggino: “Questa mattina abbiamo sporto denuncia. Sono costernato, si tratta di fatti gravi in qualsiasi contesto che si amplificano nell’attaccare quello che da tutti è riconosciuto come uno tra i massimi luoghi della cultura della nostra città. Se qualcuno ha dei problemi con la biblioteca me lo venga a dire personalmente, il ricevimento tutti i lunedì è libero. Se solo queste persone avessero studiato e letto qualche libro in più nella loro vita, probabilmente oggi non ci troveremmo nella condizione di dover immaginare l’acquisto di un sistema di videosorveglianza interno alla biblioteca”.

Anche il sindaco Claudio Corradino si schiera al fianco dell’assessore Massimiliano Gaggino: “Purtroppo sono fatti che si ripetono, non è un caso isolato. Mi auguro che il responsabile di questi atti vandalici venga individuato. Anche attraverso le telecamere della zona”.

© riproduzione riservata