Seguici su

Cronaca

Gli sfila collana e fede nuziale: carabinieri a caccia di una giovane donna

Pubblicato

il

truffa

BIELLA – La gentilezza e la disponibilità non sempre pagano, soprattutto se dall’altra parte c’è una persona malintenzionata. Lo ha scoperto a proprie spese un pensionato biellese, che nei giorni scorsi si è visto sottrarre una collana d’oro e la fede nuziale da una ladra particolarmente abile.

L’abile truffatrice è una giovane donna sudamericana

La truffatrice, una giovane donna sudamericana apparentemente di età compresa tra i 25 e i 30 anni, lo ha avvicinato in centro, all’esterno del supermercato Esselunga. Ha agito alla luce del sole, nel pomeriggio, recitando un copione ormai purtroppo noto: prima ha chiesto delle informazioni, poi ha attaccato bottone, portando l’ignaro 82enne ad abbassare la guardia.

La trappola tesa al pensionato biellese

Venuta a conoscenza del suo passato lavorativo nel mondo delle auto, ha finto dia vere bisogno di consigli per l’acquisto di una vettura e gli ha chiesto un passaggio fino al centro commerciale “Gli Orsi”. L’uomo, convinto della bontà delle sue intenzioni, ha risposto volentieri alle sue domande e le ha permesso di salire in macchina, accompagnandola poi alla destinazione richiesta.

Soltanto una volta tornato a casa, la sera, il pensionato si è reso conto di essere stato derubato: all’appello mancavano la collana e l’anello che da sempre portava al collo e all’anulare. In qualche modo, forse mentre lo ringraziava per il passaggio e i consigli, l’abile malfattrice era riuscita a sfilarglieli senza che lui se ne accorgesse.

I carabinieri indagano

A quel punto all’uomo non è rimasto altro da fare che rivolgersi ai carabinieri per denunciare quanto successo.

Sull’episodio stanno ora tentando di fare luce i militari della sezione operativa della compagnia di Biella dell’Arma.
Le indagini sono tuttora in corso, la speranza – magari anche grazie alla descrizione fornita dall’uomo e alle telecamere dei sistemi di videosorveglianza – è quella di scoprire l’identità della donna e di rintracciarla prima che riesca a mettere a segno nuovi colpi.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *