Seguici su

Cronaca

Giro d’Italia, percorso modificato per non passare dal Mottarone

La tappa terminerà a Mera

Pubblicato

il

In seguito alla tragedia del Mottarone, il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ha chiesto agli organizzatori del Giro d’Italia di modificare il percorso della 19esima tappa. Come riferiscono i colleghi di Notizia oggi, la terzultima giornata di gara (quella che da Abbiategrasso giungerà in Valsesia) dovrebbe infatti passare per la cima del Mottarone. Il ministro ha quindi chiesto una modifica del percorso in rispetto delle quattordici vittime.

Un minuto di silenzio alla partenza

Nella riunione tecnica svoltasi lunedì 24 maggio a Stresa con istituzioni e autorità locali, il ministro Giovannini si era immediatamente attivato per contattare gli organizzatori e proporre una modifica al tragitto. Il ministro ha inoltre chiesto che nell’ambito della manifestazione sportiva venga rispettato un momento di raccoglimento per ricordare le persone che hanno perso la vita nel tragico incidente.

Anche la Regione Piemonte, con l’assessore ai Trasporti e della Protezione Civile Marco Gabusi, avrebbe già inoltrato una richiesta a RCS per deviare il percorso della tappa senza toccare l’ascesa del Mottarone. Una richiesta proposta per rispetto delle vittime e per evitare il rischio del “turismo macabro”, cioè della gente che potrebbe riversarsi sul luogo del disastro spinta dalla curiosità.

 

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *