La Provincia di Biella > Cronaca > Colpisce il nonno alla testa: arrestato per tentato omicidio
Cronaca Circondario -

Colpisce il nonno alla testa: arrestato per tentato omicidio

L'ha percosso più volte con un tubo di ferro

chiude in cantina

Colpisce il nonno alla testa: arrestato per tentato omicidio
Il nipote, sofferente di schizofrenia, l’ha percosso più volte con un tubo di ferro.
I Carabinieri della Stazione di Cigliano hanno arrestato un 25enne del luogo perché ritenuto responsabile di tentato omicidio. Come riferisce notiziaoggivercelli.it l’episodio è avvenuto questa mattina, alle 11:00 circa, a Cigliano. Con una telefonata al N.U.E. 112, una 70enne ha informato la Centrale Operativa dei Carabinieri di Vercelli che il proprio marito, 83enne, era stato colpito ripetutamente alla testa con una sbarra di metallo dal nipote. Immediatamente sono state inviate sul posto una pattuglia dei Carabinieri di Cigliano ed un’ambulanza del 118. Carabinieri e soccorritori lo hanno trovato a terra con la testa tra le mani, una vistosa ferita al capo ed un occhio tumefatto.

La patologia

I Carabinieri conoscevano quell’abitazione, e sapevano che il 25enne è da tempo affetto da una forma di schizofrenia. Nel passato, però, il giovane non si era mai evidenziato per comportamenti violenti, apparendo sempre tranquillo e taciturno. La patologia di cui soffre non aveva mai, sino ad oggi, evidenziato scatti d’ira o atteggiamenti violenti, le amorevoli cure dei suoi cari, intervallate da periodi di trattamento presso il Centro di Igiene Mentale di Vercelli, si erano sempre rivelate efficaci.
Leggi anche: Terremoto in Piemonte, un’altra scossa
I fatti

Dal racconto dei presenti, i Carabinieri hanno potuto comprendere che il 25enne, nipote dell’anziano, che come accade ogni giorno aveva attraversato il cortile ed era andato a trovare i nonni, poco prima aveva raggiunto il nonno nel giardino di casa sua e, mentre l’anziana moglie era nell’orto, lo ha colpito ripetutamente al capo, senza motivo, con un tubo di ferro, verosimilmente raccolto poco lontano.
Le grida dell’uomo hanno attirato la moglie che, raggiunti marito e nipote, ha chiesto al 25enne cosa avesse fatto, non ottenendo alcuna risposta. Il 25enne, quindi, è stato accompagnato presso il reparto psichiatrico dell’ospedale di
Vercelli, dove è stato arrestato e sottoposto a ricovero. L’83enne è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Vercelli, con riserva di prognosi.
Ti potrebbe interessare anche questo articolo

© riproduzione riservata