Seguici su

Biella

Sposta l’arma senza autorizzazione: denunciato 73enne

Un uomo di Biella è stato denunciato dalla questura

Pubblicato

il

Nell’ambito dell’ordinaria attività di prevenzione e contrasto di illeciti in materia di armi, la Polizia di Stato ha deferito alla competente Autorità Giudiziaria un uomo di 73 anni residente a Biella per aver omesso di richiedere l’autorizzazione per il trasporto di un’arma e di ripetere la denuncia presso le forza di Polizia competente a seguito di cambio di residenza. Durante l’espletamento del controllo l’uomo è risultato titolare, da oltre 10 anni, di una pistola semiautomatica, successivamente sequestrata dagli operatori della squadra Amministrativa della Questura. Il settantatreenne, a seguito di un cambio del luogo di abitazione, aveva omesso di comunicare anche lo spostamento dell’arma e il nuovo luogo di custodia di fatto violando il contenuto del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza che impone per coloro che non sono titolari di porto d’arma l’obbligo di richiedere l’autorizzazione al trasporto nonché, anche per i titolari di porto d’arma, di ripresentare all’ufficio di pubblica di sicurezza competente (Questura o Commissariato) o, in mancanza, al Comando Carabinieri più vicino, la denuncia di detenzione ogni qualvolta il possessore trasferisca l’arma in luogo diverso da quello indicato nella precedente denuncia. L’azione preventiva e di controllo prosegue e con l’occasione la Questura di Biella intende sensibilizzare i titolari di licenze di detenzione di armi al rispetto di tutti gli obblighi previsti dalla legge e all’osservanza di tutte le cautele che il possesso di armi, soprattutto da fuoco, impone. Si ricorda, in particolare, che i detentori di armi (tranne i titolari di porto d’arma) sono obbligati a presentare ogni 5 anni la certificazione medica attestante i prescritti requisiti all’ufficio della Polizia di Stato o dell’Arma dei Carabinieri presso il quale è stata presentata la denuncia, come previsto dal Decreto Legislativo nr. 104 del 10 agosto 2018, in attuazione di specifica direttiva comunitaria.
E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *