La Provincia di Biella > Attualità > Vogliono istallare un’antenna di oltre 34 metri in centro a Sagliano, la protesta inascoltata dei cittadini
Attualità Valle Cervo -

Vogliono istallare un’antenna di oltre 34 metri in centro a Sagliano, la protesta inascoltata dei cittadini

Il 14 febbraio un incontro sui reali pericoli dell'inquinamento elettromagnetico

Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata da un gruppo di genitori che sta cercando di bloccare l’installazione di un’antenna alta oltre 34 metri in mezzo alle loro abitazioni nel Comune di Sagliano Micca.

Buongiorno,

come forse già sapete, siamo un gruppo di mamme e papà disperati che ha deciso di costituire un comitato spontaneo di protesta per cercare di difendersi e bloccare l’installazione di un’antenna alta oltre 34 metri in mezzo alle nostre abitazioni nel Comune di Sagliano Micca. Nell’assoluto silenzio delle Istituzioni locali nei confronti dei cittadini, si autorizza, con la prassi del silenzio assenso, una struttura di queste dimensioni inizialmente per il 3/4 G ma con prospettive future ovviamente per il 5G, a poche decine di metri dalle camere da letto dei nostri figli, che saranno costretti a subire queste potenti onde elettromagnetiche 24 ore al giorno per 365 giorni all’anno!!! Abbiamo chiesto più volte al Sindaco di individuare un’area più idonea all’installazione di questi apparati, più lontana possibile dalle case abitate, in qualità di Autorità sanitaria locale ed Ufficiale del Governo su cui incombe l’onere di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana, purtroppo senza alcun esito. Abbiamo organizzato per venerdì 14 febbraio 2020, presso il salone Polivalente di Sagliano Micca, un incontro con la popolazione della Valle Cervo per informare tutti i cittadini sui reali pericoli dell’inquinamento elettromagnetico, a cui parteciperanno Medici, Ingegneri e vari esperti del settore provenienti da tutta Italia. Noi chiediamo aiuto a chiunque possa darci una mano per rendere il più visibile possibile la nostra pacifica protesta per non trovarci costretti a scappare con i nostri figli dalle nostre case, al fine di prevenire gravi malattie ormai scientificamente provate da diversi Istituti di ricerca Mondiali, quali I.A.R.C., N.T.P., Istituto Ramazzini, ecc. così come segnalato anche da oltre 200 scienziati indipendenti di tutto il Mondo.”

© riproduzione riservata