Seguici su

Attualità

Viabilità il passaggio delle strade ad Anas facilita la realizzazione del collegamento autostradale

Pubblicato

il

Viabilità il passaggio delle strade ad Anas facilita la realizzazione del collegamento autostradale

Riceviamo e pubblichiamo il seguente commento del consigliere regionale Michele Mosca

“Bene la firma del DPCM che trasferisce alcune delle principali arterie di collegamento provinciali in capo ad ANAS che oltre a garantire un risparmio di denaro in manutenzioni per le casse della Provincia di fatto segna l’avvio del progetto di collegamento veloce all’autostrada Torino – Milano partendo dall’imbocco della Superstrada a Biella, passando da Mottalciata dove sono necessari gli interventi che ho immaginato per arrivare fino a Cascina Donna e pertanto al casello di Carisio.

A questo punto, come indicato nella Gazzetta Ufficiale del 28 gennaio scorso, “eventuali rettifiche ai dati contenuti nelle decreto potranno essere apportate d’intesa fra le amministrazioni interessate, in sede di redazione e sottoscrizione dei verbali di consegna”. Questo significa che invece di avere il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti come interlocutore, a cui, d’intesa con l’Assessore Gabusi ed a seguito di specifica richiesta formulata dalla Provincia, stavamo richiedendo l’inserimento del tratto mancante nella tabella delle opere da realizzare con i fondi assegnati, ora, sarà sufficiente che la richiesta venga formulata dalla stessa Amministrazione Provinciale in fase di verbale di consegna dell’arteria ad ANAS stessa. Questo procedimento a mio avviso risulta più veloce e snello e potrebbe garantire una riduzione dei tempi di avvio del cantiere. Lunedì, a margine di un incontro programmato in UIB a cui parteciperà anche il Vice Presidente Ramella Pralungo affronterò il tema e chiederò conferma della disponibilità e collaborazione fin qui dimostrata, a testimonianza che anche la politica si sta unendo sui grandi temi di interesse territoriale.

Da parte mia proseguirò nell’intesa di garantire la progettazione con i fondi della Regione grazie ad una interlocuzione già avviata sia con l’assessore Gabusi competente per materia sia con la struttura tecnica cui fa riferimento.”

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *