La Provincia di Biella > Attualità > Un milione di euro per il Teatro Sociale: “restituiremo ai Biellesi un luogo finito e completo”
Attualità Biella -

Un milione di euro per il Teatro Sociale: “restituiremo ai Biellesi un luogo finito e completo”

L’investimento è stato annunciato dall’assessore Gaggino

Come ha annunciato l’assessore Massimiliano Gaggino nel corso della presentazione della stagione teatrale, durante questa legislatura il teatro Sociale Villani sarà oggetto di diversi interventi di ammodernamento per un valore complessivo di circa un milione di euro. «E’ evidente a tutti – afferma il responsabile della Cultura – che la struttura abbia bisogno di una serie di interventi di risistemazione a partire dalla pavimentazione e dello stesso palcoscenico, robuste tinteggiature, rifacimento dei servizi igienici, ammodernamento dell’impianto di riscaldamento, ecc. oltre all’acquisto di nuove attrezzature necessarie alla svolgimento della stessa attività teatrale. Sono interventi ormai non più procrastinabili e che questa amministrazione ha intenzione di effettuare nel corso della legislatura».

Cambio di rotta

«Per cinque anni- continua l’assessore – mi sono opposto ed indignato sulla testardaggine della precedente amministrazione di utilizzare 280mila euro per aprire un inutile varco dietro al palcoscenico per agevolare l’ingresso dei servizi tecnici. Ora quei 280mila serviranno uniti ad altri 700mila per risolvere i tanti problemi che ha il nostro teatro e restituire ai biellesi un teatro finito e completo».

Riconfermato “Il Contato del Canavese”

In attesa dell’avvio degli interventi Gaggino ha poi presentato la stagione teatrale 2019-20: «Da quando Il Contato del Canavese si è aggiudicato la gestione del teatro c’è stata una vera accelerazione per quanto riguarda l’offerta culturale in città, quindi sono lieto che abbia vinto nuovamente il bando di gara e Il Contato ha promesso di rinnovare il suo impegno per far crescere ancora di più la qualità degli appuntamenti relativi alla nostra stagione teatrale».

© riproduzione riservata