Seguici su

Attualità

Tra il dire e il fare c’è la funicolare

Sale & pepe, la rubrica di Luigi Apicella

Pubblicato

il

Mi UNESCO alle parole dell’assessore al Commercio Barbara Greggio quando dice che, nonostante le tante difficoltà affrontate in Giunta (budget a bilancio di zero euro per il suo assessorato), vorrebbe poter far emergere le peculiarità del nostro territorio dal tessile alla sartoria. In quale modo concreto non è dato da sapere, certo è che una certa tensione in Giunta tra le varie componenti di spicco della maggioranza (Lega e Fratelli d’Italia) su obiettivi e priorità dell’intero mandato comincia a trapelare da più fonti.

Anche Oropa con le polemiche “senza fune” per la Funivia resta sul tavolo dei progetti da affrontare. Sono certo che ne sentiremo ancora parlare (speriamo con qualche fatto concreto) per la prossima campagna elettorale in cui andremo a scegliere il nuovo sindaco. Che a giudicare dall’operato messo in campo in questi anni, dalle dichiarazioni citate di alcuni assessori in carica, dai pochi risultati sin qui conseguiti, dovrebbe essere per Biella un sindaco “senza portafoglio” nel senso che lo andremo ad eleggere per simpatia, per conoscenza ma non per le cose che potrà fare non essendoci i soldi per fare nulla di quello che si dice di voler fare.

E’ una provocazione triste questa, ma è la dura realtà dei fatti: cosa serve amministrare un Comune con tanto di Giunta a carico (basterebbe un commissario) se non ci sono le risorse nemmeno per amministrare l’ordinario. Prendiamo la cura del verde pubblico, per lungo tempo, non senza rischi per la sicurezza anche automobilistica, trascurato e che adesso pare rientrato tra le priorità in agenda per l’amministrazione (sarà forse merito del già citato tesoretto Tosip?).

Se un grande come Massimo Ranieri avesse avuto qui i propri natali sono certo che avrebbe intitolato il suo più grande evergreen “Erba…cce di casa mia”. Biella, nella realtà e nella percezione dei suoi abitanti, è una città che non offre più distrazioni, se non quelle – pericolose – dei molti automobilisti che alla guida si dimenticano di usare la testa: ce lo dicono i dati con ben 27 pedoni investiti da inizio anno.

Se per uno dei tratti cittadini più attenzionati – via Lamarmora – si fosse a suo tempo dato seguito ai concorsi di idee per la creazione di un sottopasso/sovrappasso non ci saremmo trovati con questi bilanci preoccupanti. Ma si sa a Biella tra il dire e il fare c’è di mezzo la… funicolare per cui se la toppa è peggiore del buco forse meglio lasciare le cose come stanno e sperare che non succeda mai nulla di irreparabile.

Ma una nota positiva la troviamo sempre: come non rallegrarsi per l’adunata nazionale degli Alpini che, nel 2025, si svolgerà in città: un bel risultato che dovrà tradursi in un cambio di passo radicale – verrebbe da dire quasi alla bersagliera – nell’organizzazione dell’evento in modo che, per una volta, il nostro territorio ne esca finalmente alla grande in termini di immagine. Sarà un bel banco di prova per tutti, penne nere cittadine e non: vediamo di dare il meglio…

Luigi Apicella

4 Commenti

4 Comments

  1. Ardmando

    3 Novembre 2023 at 8:13

    Attendo con ansia le prossime comunali, per vedere di che pasta sono realmente fatti i biellesi, se avranno il coraggio di votare nuovamente il personaggio incapace che guida ora la giunta (e di conseguenza la sua giunta di incapaci) oppure se darà segni di vita e di volontà di miglioramento. Che poi il miglioramento avvenga, questo è un altro paio di maniche, ma per lo meno la cittadinanza deve avere il coraggio (e ne serve davvero poco) di cambiare amministratori.

  2. ernesto trismegisto

    3 Novembre 2023 at 9:10

    Però ci hanno visto lunga dai: una funicolare funzionante, a tanti alpini abituati alla fatica e alla salite in montagna, “avrebbe suonato” quasi come un dispetto alle loro capacità ed alla loro tenacia !!!

  3. Pier Giovanni Malanotte

    3 Novembre 2023 at 11:19

    Non mi preoccuperei della mancanza di denaro, mi preoccuperei invece della mancanza di idee.

  4. Giuseppe

    3 Novembre 2023 at 23:40

    Basta con questi incapaci!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *