La Provincia di Biella > Attualità > Sono mamma, sono figlia, ho un negozio, dei dipendenti e tanta paura
Attualità Biella -

Sono mamma, sono figlia, ho un negozio, dei dipendenti e tanta paura

Una lettera bellissima

Buongiorno… sta notte non riesco a dormire e perché ho seguito i telegiornali, facebook per quanto riguarda il coronavirus scrivo a voi perché spero che voi riuscite a indirizzare questa lettere a chi e di dovere.

Io sono una mamma, titolare e figlia. Non riesco a dormire perché essendo titolare penso al mio negozio, penso ai miei debiti, penso alle mie dipendenti oltretutto mamme anche loro. Io svolgo un’attivita di parrucchiera, qualcuno dice che non siamo a rischio, qualcuno dice che se lavoriamo ad un metro di distanza possiamo svolgere il nostro lavoro. Io non ci sto capendo più niente. Ma come si fa a far le pieghe, lavare, tagliare i capelli ad un metro di distanza. E’ impossibile. Il lavoro viene fatto male, senza contare che magari verrà pochissima gente perché dobbiamo uscire di casa solo per necessità.

Poi penso a quello che ho da pagare e dico domani vado in negozio e rischio magari 50 euro per far la spesa me li porto a casa. Poi penso alle mie dipendenti che mi dicono se chiudi a noi chi ci paga. Poi penso alla mia mamma che vive con me che ha 68 anni e dico come guardo in faccia a mia mamma che gli porto il virus a casa, la ricoverano, la intubano. E magari mi ammalo anche io e dovranno scegliere chi ricoverare tra me e lei e magari salvare.

Poi penso meglio stare a casa sto con i miei figli non porto a casa nessun microbo e ci salviamo tutta la famiglia. E magari non ho contagiato neanche le miei clienti. E dico meglio 20 giorni a casa tutti felici che stiamo bene, mi godo i miei figli che è un desiderio da quando sono nati, che magari intubata chissà per quanto tempo senza vedere nessuno della mia famiglia.

Devo decidere per me, per tutti ma per decidere di stare a casa lo farei solo se domani leggo un’email o un qualcosa che bloccheranno tutte le bollette, mutui ecc insomma tutte le cose da pagare se no sarò costretta a rischiare.

Sono le 3.30 e questi pensieri mi stanno ammazzando. Penso che come me questa notte molti titolari stanno svegli a decidere il loro futuro. Dopo tutto questo, io chiedo il vostro AIUTO in un bella risposta. E partecipare al progetto IO RESTO A CASA!!!!!! ma solo con il vostro aiuto posso farlo. Nel frattempo vi ringrazio che avete speso 2 minuti per me.

Carla De Stefano

© riproduzione riservata