Seguici su

Attualità

Sequestrata droga e telefonini in carcere a Biella

Dal segretario Cosp arrivano i complimenti

Pubblicato

il

Negli ultimi giorni il Penitenziario Biellese, è stato interessato da alcune azioni di contrasto al fenomeno dell’illegalità, rintracciando sostanze di tipo stupefacenti e apparecchi telefonici abilmente occultati nelle celle.

Le operazioni di controllo eseguite da un’ aliquota di personale in servizio nel penitenziario, sotto la regia del Comandante del Reparto Dr. Daniele CUTUGNO Dirigente Aggiunto di Polizia Penitenziaria, ha portato l’eccellente risultato nel rinvenire oggetti non consentiti, col deferimento alla locale Procura della Repubblica dei responsabili.

Da tempo la Casa Circondariale di Biella è finita nelle cronache giornalistiche per le ormai note notizie giudiziarie, un freno al fenomeno della corruzione e al contrasto degli illeciti è stato posto dal Provveditore regionale Dr.ssa RUSSO, che fin da subito ha messo in campo gli uomini migliori dell’Amministrazione Penitenziaria interessando proprio il Comandante CUTUGNO e il Direttore in Missione Dr. Giacinto SICILIANO che, fin da subito il suo insediamento, si è messo all’opera, ottenendo personale in missione.

In questo modo ha potuto unitamente al Comandante ripristinare le difficili condizioni di lavoro che da tempo attanagliava il personale di Polizia, che sotto organico e, nonostante gli sforzi non riusciva a svolgere, con grande sacrificio e abnegazione effettua tutt’oggi turni fuori la soglia del contratto di lavoro. Oggi sono migliorate grazie all’intervento del Direttore le operazioni sotto l’aspetto della sicurezza e dell’ordine all’interno dell’istituto, con un monitoraggio assiduo ed una lente d’ingrandimento su quello che accade nel reparto, con interventi immediati. Grazie alle pressioni per ottenere i trasferimenti dei detenuti facinorosi, resosi responsabili di aggressione al personale e di fatti di rilevanza penale, il personale riesce a gestire le attività intramurali e a mantenere l’ordine e la sicurezza, rendendo il penitenziario un luogo sotto il controllo dello Stato. Nella Casa Circondariale nella sfera del trattamento vi sono a favore delle persone recluse corsi scolastici e universitari, l’impegno del garante delle persone private della libertà, ha dato il via a delle nuove iniziative che hanno coinvolto tutti i detenuti con grande soddisfazione.

Questa Organizzazione Sindacale, vuole ringraziare il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria per l’impegno e le attenzioni, il Comandante del Reparto per il profuso impegno rivolto al ripristino delle regole, il Direttore in Segreteria Interregionale Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta missione che grazie alle capacità fuori dal comune, è riuscito a ristabilire il giusto equilibrio, un plauso al Provveditore Dr.ssa RUSSO che dal momento della nomina a capo del provveditorato per il Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta ha creduto negli uomini e donne in divisa, dimostrando più volte la propria vicinanza al personale.

Questa O.S. ritiene che tutti gli sforzi messi in campo non debbano essere vanificati e si chiede con separata nota agli uffici superiori, di inviare 30 unità di Polizia Penitenziaria in pianta stabile nel ruolo Agenti/Assistenti e 20 nel ruolo sovrintendenti e Ispettori, nel rispetto della continuità e serenità dei lavoratori in divisa, inoltre chiederemo di attivare le procedure di ricompense al personale che si è distinto.

Segretario internazionale Piemonte Liguria Valle d’Aosta Giovanni Bellomo

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *